Connect with us

home

Degenera la situazione intorno a Zaniolo: inseguito e minacciato dai tifosi sotto casa. Le repliche della mamma e della sorella

La situazione a Roma per Nicolò Zaniolo sta diventando insostenibile ed è degenerata ieri sera con un episodio spiacevole al giocatore. Prima lo striscione con l’invito ad andarsene poi, nella serata di domenica, dopo la sconfitta dei giallorossi contro il Napoli, un gruppo di ultras si è radunato sotto casa del giocatore a Casal Polacco. Lì sarebbero volati gli insulti e, a quel punto, il classe 1999 avrebbe cercato di scappare venendo inseguito. Spaventato, Zaniolo ha chiesto l’aiuto della polizia che è intervenuta con una pattuglia. Sul posto anche il padre che ha cercato di tranquillizzare il giocatore, mentre la madre e la sorella hanno condannato tutto sui social. Zaniolo è poi tornato a La Spezia, sua città natale, per ritrovare serenità con la Roma che l’ha dispensato dall’allenamento odierno anche in attesa di aggiornamenti dal mercato.

In totale sarebbero circa una quindicina le persone che si sono presentate, dopo la mezzanotte, sotto casa del calciatore della Roma. Ad allertare il 112 è stato il team manager del club del giallorosso. Indagini sono in corso da parte della polizia per rintracciare e identificare gli autori del blitz.

 

 

 

 

 

 

LA MAMMA DI ZANIOLO: “GENERATO ODIO”
“Aver originato tutto quest’odio mi sembra un tantino eccessivo”: lo ha scritto ieri sera Francesca Costa, la mamma di Zaniolo, in una storia Instagram poi cancellata dopo pochi minuti e nella quale riportava con delle foto gli insulti nei suoi confronti e del figlio comparsi sui muri fuori il centro sportivo della Roma a Trigoria.

 

 

 

 

LA SORELLA DI ZANIOLO: “TANTA PENA”
Si fa sempre più rovente il clima nella Capitale intorno a Nicoló Zaniolo, deciso a lasciare la Roma in questa finestra di mercato. Dopo la contestazione nella notte, sotto la casa del giocatore, questa mattina un mega striscione è stato affisso dagli ultras dinanzi al Centro sportivo giallorosso a Trigoria. “Via da Trigoria uomini di poco conto, codardi e approfittatori: sostegno incondizionato solo per chi rispetta i nostri colori! Roma”, si legge nel testo come si vede in varie foto sul web. Intanto a difesa di Nicolò è scesa in campo la sorella Benedetta, che in un post sui social ha mostrato un collage di striscioni e insulti arrivati al giocatore in queste ore, con il commento: “Non servono parole. Solo tanta pena per voi”.

 

 

 

 

VIA LA ROMA DALLA BIO SU INSTAGRAM
Dopo le minacce dei tifosi sotto casa nella notte, a poche ore dalla fine del mercato Nicolò Zaniolo ha levato il riferimento la Roma dalla sua bio su Instagram sostituendo la dicitura “Football Player As Roma” presente fin dal giorno del suo arrivo nella capitale con un semplice “atleta”. Un gesto simbolico che conferma la rottura dell’attaccante con tutto l’ambiente giallorosso.

Click to comment

Rispondi

Serie A


Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

RSS Dal mondo

More in home