Connect with us

home

Reti bianche tra Danimarca e Tunisia dopo qualche episodio discutibile

È mancato solo il gol fra Danimarca e Tunisia, con tante occasioni e qualche decisione discutibile da parte della terna arbitrale. Una partita bella, a ritmi molto alti, con parate dei portieri e qualche erroraccio da parte degli attaccanti, in particolare Cornelius che, da un metro, non mette la palla in rete, colpendo invece il palo.

 

 

Da una parte c’è la qualità della Danimarca, solida sì, ma anche con qualche vampata tecnica soprattutto nei trequartisti e sulle fasce, mentre dall’altra la Tunisia prova a mettere i muscoli, esaltandosi sin da subito con interventi decisi da parte di Ladouni che poi chiama a raccolta il pubblico. Tunisini che sono un fattore, almeno all’inizio, visto che sono molti di più dei danesi e creano un ambiente abbastanza caldo. Ritmi indiavolati poi fanno il resto, perché Drager va subito a un passo dal gol con un tiro deviato e Schmeichel che rimane fermo. Nella prima frazione la Tunisia va vicina al vantaggio con Jabeli che prima insacca – ma è in fuorigioco e viene annullato – poi vede nel portiere danese il fantasma del padre, che va a mettere una pezza nell’uno contro uE la Danimarca? Quando la velocità si abbassa ha certamente più qualità, ma non è detto che riesca sempre a dettare legge. Così nella seconda parte del primo tempo riesce a guadagnare metri, ma non occasioni sostanziali. Nella ripresa il copione si ripete, perché la Tunisia prova a pressare il più possibile, provando poi con la forza dei nervi e fisica a trovare il varco giusto, mentre la Danimarca ha qualche problema nel costruire opportunità da gioco. Dolberg è spesso isolato, Skov Olsen sbaglia molto, Eriksen viene arretrato nel momento in cui Delaney si infortuna e c’è bisogno di cambiare.

 

Il conto dei gol annullati si pareggia al decimo del secondo tempo, quando Damsgaard è in fuorigioco a inizio azione – dopo Skov Olsen aveva trovato il varco giusto – ma è il segnale di una crescita che fino a quel momento non c’era stata, visto che Dolberg ha finalmente un’occasione importante, ma il colpo di testa è impreciso. A metà ripresa invece si fa vedere Eriksen, con un sinistro dal limite che Dahmen va a deviare. Sul corner successivo Cornelius, da un metro, non riesce a spingere la palla in porta, era più difficile sbagliarlo che segnarlo.

 

 

 

 

 

 

La partita quindi rimane divertente anche per i tanti errori da una parte e dall’altra. La Tunisia ha evidenti lacune e con il passare del match è quasi impossibile mantenere certi ritmi, mentre la Danimarca è clemente con gli avversari e sbaglia troppo. Nel finale c’è un momento di paura per la Tunisia, quando Maehle salta l’avversario e viene affondato in area, ma per l’arbitro non è rigore. Poi Lindstrom, con un tiro cross, quasi sorprende il portiere avversario, mentre asugli sviluppi di un cross Meriah colpisce la palla con il braccio. Tutto però rimane com’è, in un finale thrilling.

Click to comment

Rispondi






Serie A








I nostri partner…







Seguici anche su Radio Momenti di Calcio







Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi







Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home