Connect with us

home

Ronaldo conferma:”Ho avuto contatti col Napoli, e ho rifiutato 350 milioni dall’Arabia Saudita”

Dopo le interviste degli ultimi giorni, Cristiano Ronaldo continua a raccontarsi tra sfoghi per il momento negativo, aneddoti e retroscena

 

MOTIVAZIONI – “Sono stimolato dall’adrenalina, ma negli ultimi anni il calcio è diventato business. Georgina dice che usano noi calciatori come pezzi di carne. La mia passione è intatta, ma ci sono tante cose che non mi piacciono. Nel mondo in generale è tutta questione di soldi”.

 

CRITICHE – “Ho deciso di rilasciare quest’intervista perché c’è chi mi ha fatto passare come un cattivo ragazzo, ma sono tutte bugie. E ora voglio dire quello che pensLA VERITA’ – Sono stato assente perché mio figlio è stato una settimana in ospedale e la famiglia viene prima di tutto. Allo United non mi hanno creduto. Gli interessava di me e non dei miei problemi. Mi sono sentito una pecora nera”.

 

IL RITORNO – “Il ritorno al Manchester è stata una scelta più emozionale che logica, ma non la rimpiango. Volevo aiutare la squadra. Ero pronto a farli competere con i top club però mi hanno tagliato le gambe. Forse ora è meglio per entrambi aprire un nuovo capitolo”.

 

L’OROLOGIO – “Sarò onesto, mi sono pentito di aver lasciato lo stadio contro il Tottenham. O forse no. È difficile da capire, ma diciamo che mi dispiace. Però mi sono sentito provocato da ten Hag. Non esiste che un allenatore mi faccia giocare solo tre partite. Mi dispiace, non sono quel tipo di giocatore. So quello che posso dare la squadra. L’allenatore mi ha detto che dovevo aspettare la mia occasione. Capisco, ma non puoi trattarmi come gli altri. Se mi mette in campo solo tre minuti mi sento preso in giro. Ho lasciato Old Trafford? Sì, come altri otto giocatori; ma hanno puntato solo la pecora nera”

 

 

 

 

TEN HAG – “Non nascondo che il rapporto con l’allenatore non va bene. Non mi rispetta, è per questo che sono andato contro il Tottenham”.

 

MANUTD – “Quando sono arrivato al Manchester United sono sempre stato disponibile ad aiutare la squadra a fare cose buone, ma è difficile quando ti tagliano le gambe e non gli piace che tu brilli. E loro non ascoltano i tuoi consigli”.

 

MERCATO – “Sono il giocatore con lo stipendio più alto della storia della Premier, la stampa scriveva che nessuno mi voleva. Chi non vuole uno che segna 32 gol? Abbiamo parlato con Sporting e Napoli, ma motivato qui. È vero: ho rifiutato 350 milioni dall’Arabia Saudita”

 

 

 

 

 

PORTOGALLO – “Sono concentrato sul Mondiale con il Portogallo. Il mio quinto, forse l’ultimo. Non so se tornerò allo United, ma i tifosi saranno sempre nel mio cuore, qualsiasi cosa scelga. Tutti sbagliano, gli errori fanno parte del mio essere umano”.

 

MESSI – “Come giocatore, è magico. Ho un ottimo rapporto con lui. È come un partner. Ho sempre rispettato il modo in cui parla di me. Lui e Zidane sono i migliori che abbia mai visto”.

 

 

Click to comment

Rispondi






Serie A








I nostri partner…







Seguici anche su Radio Momenti di Calcio







Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi







Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home