Connect with us

home

Cosa ci ha detto Milan – Fiorentina? Molto più di quello che dice il risultato

Non è stata una partita casuale quella fra Milan e Fiorentina

Le due squadre hanno giocato una bella partita che è stata avvincente e tirata fino dal primo all’ultimo minuto

Sponda viola si potrebbe dire che è stata pesante per la Fiorentina e per i suoi tifosi: nonostante 88 minuti di grande livello, tolti i due iniziali in cui i rossoneri sono riusciti ad andare in vantaggio, la squadra viola è tornata a Firenze con zero punti.

Chiaramente quando fai grandi prestazioni e non raccogli niente non puoi tornare a casa contento, ma la gara di ieri ha detto chiaramente che adesso la squadra di Vincenzo Italiano ha trovato una quadra e, a meno di errori arbitrali o topiche difensive, adesso può davvero tornare in corsa per un posto europeo.

Come sottolineato questa mattina da Il Corriere Fiorentino la rincorsa all’Europa è ancora momentaneamente complicata: otto punti di distacco dal settimo posto, l’ultimo disponibile per tornare a solcare i palcoscenici europei, sono comunque un importante gap da colmare. Se però il valore della Fiorentina è quello visto in campo ieri sera contro il Milan niente è impossibile, altre squadre negli ultimi anni ci hanno regalato clamorose rimonte in classifica. Molto, come sottolineato dal quotidiano, dipenderà anche dall’operato della dirigenza gigliata e dagli obiettivi societari: se c’è una lezione da portare con sé da questi mesi è che per giocarsela sul doppio fronte, questa squadra ha bisogno di rinforzi.

 

Dal lato rossonero possiamo dire che la squadra è viva. Sa soffrire e lotta fino all’ultimo. Le difficoltà però ci sono e vanno analizzate. Alcuni giocatori hanno reso meno di quello che si sperava, ma come diceva Maldini di DeKetelaere, ma vale anche per altri, il contratto che gli è stato fatto è di 5 anni e non di 5 mesi e vanno saputi aspettare.

Dal punto di vista tecnico la squadra perde a volte di fluidità di manovra e di esplosività e rimane un po’ più ingarbugliata rispetto all’anno scorso.

Dalla sua ha la consapevolezza di aver fatto pochi punti meno dell’anno scorso e che la differenza sostanziale dalla stagione che l’ha vista trionfare sta tutta nel Napoli che ha tirato fuori dal cilindro una serie di vittorie da record.

Se i partenopei freneranno il Milan sarà lì.

Il finale di partita va detto è stato emozionante, con le due squadre che provavano entrambe a vincere e hanno fatto di tutto per farlo, anche a costo di spaccare in due le squadre.

Sicuramente dal punto di vista dell’analisi tecnica i due allenatori saranno preoccupati dai rischi corsi e dalle occasioni mancate, ma per chi ha assistito alla partita lo spettacolo è stato molto gradevole.

Fosse solo per questo le due squadre meritano rispetto e il meglio possibile per il loro proseguimento di stagione.

Di sicuro, concludendo, entrambe, e anche noi tifosi, meritiamo arbitraggi migliori di quello visto ieri, sia da parte degli arbitri di campo che di quelli al Var, su cui ci sarebbe molto da ridire in alcune situazioni che alla fine hanno indirizzato il risultato.

Speriamo che la pausa migliore serva anche alla classe arbitrale per ricaricare le pile

chimico, appassionato di calcio, di tattiche e statistiche

Click to comment

Rispondi






Serie A








I nostri partner…







Seguici anche su Radio Momenti di Calcio







Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi







Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home