Connect with us

home

Gasperini: siamo nel limbo! Giovani o vecchi. Bisogna decidere

Parla chiaro Giampiero Gasperini in conferenza stampa dopo la sconfitta interna contro l’Inter, la terza di fila e la quarta in cinque partite

Il tecnico di Grugliasco parla dritto alla società cercando di capire cosa l’Atalanta vuole diventare.

Serviva un mercato più deciso secondo il tecnico, ma non come lo intendono tutti gli allenatori, ma un mercato più deciso nell’indirizzo da prendere : largo ai giovani o squadra per vincere.

Invece Gasp ora si dichiara nel limbo e in difficoltà perchè non può lanciare tutti i giovani che vorrebbe senza mettere alla porta i senatori che gli hanno dato tutto

“Devo mettermi nelle condizioni di valorizzare quello che crea la società.Dobbiamo condividere come arrivare, se vincere, ringiovanire… Se si vuole fare così, bisogna andare dritti e dare fiducia ai ragazzi.” questo lo sfogo in conferenza stampa dell’allenatore, che ha aggiunto: “Non si può tenere il piede in troppe scarpe. Demiral e Zapata sono rimasti delusi dopo i cambi ma non posso essere messo in condizione di andare contro di loro, mi hanno dato tanto. Se l’obiettivo è il quarto posto basta che me lo si dica e lavoriamo per quello”.

Il piede in troppe scarpe, metafora perfetta per capire il punto di vista di Gasperini, che si trova una squadra piena di tanti giovani talentuosi ma anche con i “vecchi” che hanno regalato così tante gioie ai tifosi bergamaschi. In queste parole, come sottolinea Calciomercato.com,  c’è anche tutta la riconoscenza del tecnico per il gruppo storico, aspetto che complica le decisioni sul campo.

Prosegue poi Gasperini : “Quando stavo per saltare per aria nel 2016 ho messo i giovani dentro, quelli che sono stati messi da parte non avevano una storia di passato con me.” E la differenza rispetto a quella volta sta tutta in questa ultima frase. Adesso, giocatori come Zapata, Muriel, Demiral, Malinovskyi, Toloi e molti altri, di storia con l’allenatore ne hanno eccome. Questo, imputa alla società, di non aver avuto la forza e il coraggio di fare scelte drastiche come aveva fatto lui qualche anno fa. La conseguenza è che ora probabilmente toccherà a lui farle nuovamente.

“In questa situazione non ci voglio stare, non posso tutte le volte che sostituisco un giocatore sentire che litigo con lui. Perchè l’Atalanta va incontro a queste situazioni? Non ne ha bisogno. Mi va bene anche salvarmi all’ultima giornata per dare una valorizzazione. L’unica cosa che ci ha salvato è che siam partiti forte”.

Gasp anche stavolta ha parlato chiaro

chimico, appassionato di calcio, di tattiche e statistiche

Click to comment

Rispondi






Serie A








I nostri partner…







Seguici anche su Radio Momenti di Calcio







Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi







Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home