Connect with us

home

Juve, Allegri:”Vlahovic fuori, non se la sente. Milinkovic? Chiedete a Sarri”

La conferenza stampa di vigilia verso Juventus-Lazio di Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus.

Si affrontano le due migliori difese del campionato. Partita bloccata?
“Mi aspetto una gara difficile e complicata, contro una Lazio molto forte che sta facendo grandi cose. Poi magari dopo dieci minuti si sblocca e diventa una gara diversa”.

Un punto sul centrocampo? Locatelli sta bene e l’assetto sarà confermato?
“Domattina dovrò vedere se sarà disponibile, così come Cuadrado. Poi una volta saputo questo, farò delle scelte”.

Di Maria ha i mondiali alle porte, come gestirà il suo minutaggio?
“Non è questione di mondiali.L’altra volta ha giocato mezz’ora e ha fatto bene. Devo decidere se farlo giocare un tempo o farlo partire dall’inizio, è chiaro che quando entra alza il livello della squadra. Domani è l’ultima partita, sarà difficile perché è come la prima di campionato visto che poi ci sarà una sosta lunga. È una gara pericolosa già per la qualità della Lazio”.

È la gara più difficile nel recente filotto della Juve?
“È l’ultima, veniamo da un filotto positivo e dobbiamo dare seguito, sapendo che la Lazio in trasferta ha preso solo un gol. È una squadra difficile da battere, Sarri sa organizzare bene le squadre a livello difensivo e poi ha giocatori tecnicamente molto validi, sia nel palleggio che in campo aperto”.

Sarri ha criticato lo stop per i Mondiali.
“Io faccio l’allenatore. Quando mi dicono di giocare giochiamo e quando mi dicono di fermarci ci fermiamo. Non decidiamo noi, dobbiamo cercare di far rendere al meglio la squadra”.

Chiesa e Vlahovic convocati?
“Vlahovic no, non se la sente, non sta bene. Resta fuori. Chiesa domani è a disposizione. Kean? Domattina deciderò la formazione”.

Barzagli ha rivisto DNA Juve in fase difensiva.
“Per portare a casa risultati e difendere bene, come stiamo facendo, bisogna metterci più piglio e attenzione, fare fatica. Però è una fase da fare bene. Poi bisogna migliorare in possesso, ma la cosa migliore è lo spirito di squadra che stiamo ritrovando. Siamo a una partita dalla fine del primo pezzo di stagione, dobbiamo fare bene contro una squadra complicata”.

Quanto questa squadra si avvicina al suo ideale?
“Il mio ideale è una squadra che vince. L’altra sera a Verona abbiamo giocato contro una squadra che ha creato diverse palle gol con Milan e Verona, che corre e ti fa giocare partite strane, sul piano fisico e palla lunga. I ragazzi sono stati bravi, poi domani è una gara completamente diversa: la Lazio palleggia e occupa zone del campo”.

Il Napoli sta viaggiando forte. Scudetto impossibile o improbabile?
“Ha vinto anche oggi, potenzialmente può girare a 53 perché mancano quattro partite. Però nel calcio quello che si dice oggi non vale domani. Noi pensiamo a domani e a farci trovare nelle migliori condizioni possibili al 4 gennaio”.

Miretti e Fagioli, ma anche Chiesa. Sorpreso da Mancini?
“Fa le convocazioni che ritiene giuste. Sono soddisfatto, due ragazzi del settore giovanile della Juventus sono arrivati in Nazionale. Poi le prime volte, quando vieni convocato, credo perché io non ci sono mai andato, è tosta, ci sarà tempo per recuperare energie”.

Punti in comune con Sarri?
“Non lo so, Maurizio è un allenatore importante che ha vinto lo scudetto con la Juve e sta facendo un ottimo lavoro alla Lazio. Poi caratterialmente siamo su poli opposti”.

Vlahovic ha detto che non se la sente. Poteva essere gestita diversamente?
“Ma no, bisogna essere fatalisti. In generale, magari al primo allenamento con la Nazionale uno si ferma e salta il mondiale lo stesso. Vlahovic ha fatto parte allenamento sia ieri che oggi, non è sereno: è normale che un giocatore si deve sentire al massimo, deve essere d’aiuto alla squadra. In questo momento non è nelle condizioni fisiche ottimali”.

Cosa pensa di Milinkovic-Savic?
“È un giocatore della Lazio, chiedete a Sarri. I giocatori per dare giudizi definitivi vanno allenati, magari lo vedi e poi lo alleni e ti fai un’idea diversa”.

Cosa cambia se al centro della difesa c’è Bonucci o c’è Bremer?
“Occupano più o meno la stessa posizione. Leo ha più piede e Gleison ha più fase difensiva, copre più campo”.

Click to comment

Rispondi






Serie A








I nostri partner…







Seguici anche su Radio Momenti di Calcio







Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi







Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home