Connect with us

home

Lunedi al via il processo che può terremotare il mondo Juve

Come riporta MF Milano Finanza, partirà lunedì il processo che potrebbe terremotare il mondo Juventus

Infatti, andrà in scena presso il tribunale di Torino, la prima udienza sulla lite che vede protagonista Margherita Agnelli contro i figli John, Lapo e Ginevra Elkann per la successione della madre Marella Caracciolo, la vedova dell’avvocato Gianni Agnelli, che ha designato i tre nipoti come suoi unici eredi. E in ballo non c’è poco, perché nel caso in cui il giudice desse ragione a Margherita Agnelli, verrebbero spalancate le porte dell’eredità dell’avvocato anche ai cinque figli avuti dalla stessa Margherita con Serge de Pahlen.

In particolare, infatti, i cinque figli e Margherita potrebbero entrare a pieno titolo nella Dicembre, ovverosia la la storica società che fa capo agli eredi di Giovanni Agnelli ed è controllata da John Elkann (60%), mentre i fratelli Lapo e Ginevra hanno ciascuno il 20%. La Dicembre, a sua volta, è azionista di maggioranza (38% delle quote) della Giovanni Agnelli Bv, cioè la cassaforte da 28 miliardi di euro dell’intera famiglia Agnelli-Elkann di cui per statuto solo i discendenti del Senatore Giovanni Agnelli (tra i fondatori della Fiat) possono essere soci. La Giovanni Agnelli Bv detiene il 52% delle quote di Exor, che è l’azionista di maggioranza tra le altre di Stellantis, Ferrari e Juventus.

In ballo quindi c’è di fatto il controllo sull’intero impero degli Agnelli-Elkann, con l’inizio del processo lunedì a Torino che rappresenta l’ennesima tappa di uno scontro ventennale. In particolare, spiega Milano Finanza, l’accusa di Margherita è quella di essere stata vittima di «escamotage» orditi dai consulenti della madre Marella e «preordinati» alla sua esclusione dall’immensa eredità dell’Avvocato e di sua moglie.

Al contrario, i figli contraccano la madre soprattutto sul fatto di avere rimesso in discussione accordi di quasi vent’ anni fa e di fare leva sul clamore mediatico: «Perseguendo il vano obiettivo di screditare nell’ordine: madre, consulenti del padre e ora persino i propri figli primogeniti, Margherita in realtà scredita – tristemente – solo se stessa».

Tra i principali temi c’è quello legato alla residenza di Marella tra Italia (come sostiene Margherita) e Svizzera (come sostengono invece i figli): un fattore che si ripercuote sulla giurisdizione, con il punto interrogativo su quale sia quella competente a decidere relativamente alle carte legate all’eredità. Inoltre, c’è anche il tema degli atti del 2004 che hanno regolato la sistemazione dell’eredità di Gianni Agnelli dopo la sua morte nel 2003. Si tratta di un “accordo transattivo” con cui Margherita rinunciava ai beni del padre in cambio di 1,2 miliardi e il “patto successorio” con cui rinunciava alla futura eredità della madre, sarebbero nulli secondo il diritto svizzero al quale rimandano perché non sono stati scritti davanti a un notaio. Inoltre, sarebbero nulli anche in Italia, perché non sono stati registrati.

L’offensiva legale di Margherita Agnelli de Pahlen potrebbe  così ribaltare le sorti della catena di controllo dell’impero, oggi saldamente in mano al suo primogenito John: vincendo, infatti, e tornando erede Margherita potrebbe mettere le mani quantomeno sulla quota di legittima spettante agli eredi diretti (quali sono i figli) in Italia, cioè il 50% dei beni.

Per la decisione ci vorranno mesi, si parla della primavera 2023, ma già l’udienza di lunedì  7 novembre sarà già cruciale, perché i magistrati possono stabilire di andare avanti, riconoscendo che Marella era residente in Italia, oppure possono annullare gli accordi del 2004, oppure valutarli in base alla legge elvetica. O anche decidere di attendere l’esito delle due cause in atto in Svizzera tra Ginevra e Berna. Solo con il riconoscimento da parte dei giudici, che siano di Torino o svizzeri, della validità degli accordi, la saga si chiuderebbe con la sconfitta definitiva di Margherita. Ma se fossero invalidati, tutto verrebbe rimesso in discussione fin dall’inizio, arricchendo la saga di un nuovo capitolo fitto di sorprese sull’eredità di Gianni Agnelli.

chimico, appassionato di calcio, di tattiche e statistiche

Click to comment

Rispondi






Serie A








I nostri partner…







Seguici anche su Radio Momenti di Calcio







Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi







Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home