Connect with us

home

Ronaldo, le vittorie con la nazionale verdeoro e i titoli vinti

Ronaldo entrò nel giro delle nazionali giovanili brasiliane ai tempi del São Cristóvão.

Con il Brasile Under-17 prese parte al Sudamericano di categoria del 1993 in Colombia, dove è stato capocannoniere della manifestazione con otto gol.

Partecipò al torneo olimpico di calcio del 1996 ad Atlanta, cin la nazionale olimpica brasiliana vinse la medaglia di bronzo.

Ronaldo fu il secondo miglior marcatore della propria squadra con cinque gol in sei partite alle spalle del fuoriquota Bebeto ed Hernán Crespo.

L’esordio in nazionale maggiore di Ronaldo avvenne il 23 marzo 1994 a Recife in una gara amichevole contro l’Argentina.

Fu tra i ventidue convocati per il campionato del mondo 1994, ma non scese mai in campo.

Il Brasile vinse il mondiale in finale contro l’Italia, Ronaldo poté fregiarsi del titolo di campione del mondo, all’età di 17 anni.

Nel 1995 si piazzò secondo in Coppa America e nel 1997 vinse il torneo e la palma di miglior giocatore della competizione.

Nel 1997 parte per il Torneo di Francia, realizzando un gol nel percorso che condusse il Brasile al secondo posto, e trionfò nella Confederations Cup dello stesso anno, manifestazione in cui realizzò quattro reti.


Guidò il Brasile campione del mondo alla difesa del titolo nel campionato del mondo 1998 in Francia.

Realizzando quattro gol in sei partite e aiutando la sua nazionale a raggiungere la finale contro i padroni di casa della Francia.

Ronaldo fu colto da convulsioni inizialmente fu escluso in favore di Edmundo, ma fu reintegrato poco prima dell’inizio della finale.

La Francia batté il Brasile per 3-0 e vinse la Coppa del Mondo, ma il giallo sul malore che aveva colto Ronaldo la sera prima divenne un caso mondiale.

Nel 1999 vinse un’altra Coppa America, laureandosi anche capocannoniere del torneo a pari merito con Rivaldo.

Nei successivi due anni e mezzo, Ronaldo non poté vestire la maglia del Brasile, a causa dagli infortuni patiti durante la militanza nell’Inter.

Tornò in nazionale a pochi mesi dall’inizio del campionato del mondo 2002, che si giocò in Corea del Sud e Giappone.

Ronaldo vinse la classifica marcatori del torneo con otto gol in sette partite e fu la stella della squadra che arrivò in finale per la terza volta consecutiva.

Questa volta l’avversaria per il titolo fu la Germania, che il Brasile batté per 2-0 proprio grazie a una doppietta di Ronaldo.


Partecipò al campionato del mondo 2006, il suo quarto personale, nel quale realizzò tre gol nelle cinque partite disputate dal Brasile, che fu eliminato ai quarti di finale perdendo per 1-0 contro la Francia.

In tre edizioni della Coppa del mondo, il brasiliano segnò quindici gol (quattro nel 1998, otto nel 2002 e tre nel 2006), uno in più di Gerd Müller, divenendo il miglior marcatore della storia del campionato mondiale di calcio.


Dopo il campionato del mondo del 2006, la Seleção visse un grande ricambio generazionale e numerosi giocatori tra i quali Cafu, Roberto Carlos e lo stesso Ronaldo lasciarono la nazionale.

Cinque anni dopo l’ultima presenza, avvenuta il 1º luglio 2006, la CBF organizzò una partita di addio per Ronaldo in concomitanza col suo ritiro dal calcio giocato.

Il 7 giugno 2011 venne fissata un’amichevole cinteo la Romania al Pacaembu di San Paolo, stadio di casa del Corinthians, ultima squadra del Fenomeno.

Ronaldo disputò gli ultimi quindici minuti del primo tempo, sostituendo Fred, autore dell’unico gol dell’incontro.

Disputa 98 presenze ufficiali in maglia verdeoro segnando 62 reti.

Dopo il ritiro dal calcio giocato, Ronaldo ha continuato a partecipare alle iniziative promosse dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP), del quale è ambasciatore dal 2000.

Insieme ad altri grandi ex calciatori, è sceso in campo più volte nel tradizionale incontro benefico promosso dalle Nazioni Unite allo scopo di raccogliere fondi e sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sul tema della povertà.



Nel febbraio 2011 ha avviato, insieme a Marcus Buaiz, la 9ine Sport & Entertainment, una società di sportmarketing che si occupa della gestione dell’immagine di calciatori e sportivi brasiliani.

Nel dicembre dello stesso anno è entrato a far parte del consiglio di amministrazione del Comitato Organizzatore Locale brasiliano (Comitê Organizador Local da Copa do Mundo da FIFA Brasil 2014 – COL) in vista del campionato del mondo 2014.


Il 12 dicembre 2014 Ronaldo ha acquistato il 10% delle quote dei Fort Lauderdale Strikers, club militante nella North American Soccer League, diventandone un socio di minoranza.

Il 15 gennaio 2015, nel corso di una conferenza stampa, ha dichiarato di escludere un futuro da allenatore e di avere l’intenzione di fondare un’accademia giovanile negli Stati Uniti.

Il 3 settembre 2018 annuncia di aver acquistato il 51% delle azioni del Real Valladolid, club allora militante nella Primera División.

Il 18 dicembre 2021 acquista il 90% delle quote del Cruzeiro.

Campionato Mineiro: 1 Cruzeiro: 1994.

Campionato Paulista: 1 Corinthians: 2009.

Coppa del Brasile: 2 Cruzeiro: 1993
Corinthians: 2009.

Coppa dei Paesi Bassi: 1 PSV: 1995-1996

Supercoppa di Spagna: 2 Barcellona: 1996
Real Madrid: 2003.

Coppa di Spagna: 1 Barcellona: 1996-1997.

Campionato spagnolo: 1 Real Madrid: 2002-2003.

Coppa delle Coppe: 1 Barcellona: 1996-1997.

Coppa UEFA: 1 Inter: 1997-1998.

Coppa Intercontinentale: 1 Real Madrid: 2002.

Campionato mondiale: 2
Stati Uniti 1994, Corea del Sud-Giappone 2002.

Bronzo olimpico: 1 Atlanta 1996.

Coppa America: 2 Bolivia 1997, Paraguay 1999.

Confederations Cup: 1 Arabia Saudita 1997.

Capocannoniere del Sudamericano Under-17: 1 1993 (8 gol).

Capocannoniere della Supercoppa Sudamericana: 1 1993 (8 gol).

Capocannoniere del Campionato Mineiro: 1
1994 (22 gol).


Capocannoniere della Eredivisie: 1
1994-1995 (30 gol).

FIFA World Player: 3 1996, 1997, 2002.

Calciatore dell’anno World Soccer: 3 1996, 1997, 2002.

Pichichi della Liga: 2 1996-1997 (34 gol), 2003-2004 (24 gol).

Miglior giocatore straniero: 1996-1997.

Squadra dell’anno ESM: 2 1996-1997, 1997-1998.

Miglior giocatore della Coppa America: 1 1997.

Scarpa di bronzo della FIFA Confederations Cup: 1 1997.

Pallone d’oro: 2 1997, 2002 e Scarpa d’oro: 1 1997.

Miglior marcatore dell’anno IFFHS: 1 1997.

Trofeo Bravo: 2 1997, 1998

Onze d’or: 2 1997, 2002 e Onze d’argento: 1 1998.

All-Star Team dei Mondiali: 2 1998, 2002.

Miglior attaccante: 1998 e
UEFA Club Footballer of the Year



Capocannoniere della Coppa America: 1
1999 (5 gol, a pari merito con Rivaldo).


Capocannoniere del campionato mondiale: 1
2002 (8 gol)

Pallone d’oro dei Mondiali: 1998, pallone d’argento 2002.

Inserito nella FIFA 100 2004.

Scarpa di bronzo della Confederations Cup: 1 1997.

Scarpa di bronzo dei Mondiali: 1 2006.


Miglior giocatore del Campionato Paulista: 1
2009.


Hall of Fame del calcio italiano nella categoria Calciatore straniero
2015.

Inserito nella Hall of Fame dell’Inter nella categoria Attaccanti 2018.
Premio alla carriera per calciatori: 2018
Inserito nel Dream Team del Pallone d’oro (2020)

Click to comment

Rispondi






Serie A








I nostri partner…







Seguici anche su Radio Momenti di Calcio







Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi







Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home