Connect with us

home

Fiorentina e Juve si dividono la posta. Perin para tutto, anche un rigore a Jovic

Un gol ciascuno e il rigore fallito da Jovic
Bel clima al Franchi: la pioggia caduta in mattinata su Firenze lascia spazio al sole e una cornice fantastica.

Lo stadio è quasi pieno e la curva di casa si colora di viola, con il settore ospiti a sua volta molto gremito. L’avvio è di marca prevalentemente juventina e in neanche dieci minuti arriva il vantaggio firmato sotto misura da Milik, al secondo gol in due apparizioni (oggi la prima da titolare) e pochi giorni di Juve. Accusato lo svantaggio, la Fiorentina si aggrappa per prima cosa alle energie nervose e sale di livello, riuscendo a sorprendere la Signora in ripartenza: appena prima della mezz’ora, da un corner a favore dei bianconeri scatta il contropiede viola sull’asse Sottil-Kouame, con assist a campo aperto del primo e destro vincente del secondo.

Il gol regala forza ai viola, mentre la Juventus inizia ad abbassarsi. L’episodio che potrebbe indirizzare la prima frazione arriva appena prima del recupero: il VAR suggerisce a Doveri che Paredes tocchi la palla di mano in area e l’arbitro, dopo aver rivisto al monitor, indica il dischetto.

Si presenta Jovic dagli undici metri, ma Perin sfodera un super riflesso e sporca il suo destro angolato sul palo. Il primo tempo finisce 1-1.

Ripresa meno intensa… E senza Vlahovic
Dopo l’intervallo non rientra Di Maria, sostituito da De Sciglio: una mossa piuttosto difensiva quella di Allegri, destinata a far discutere. La ripresa non presenta la stessa intensità del primo tempo e, in mezzo alla girandola di cartellini gialli e sostituzioni, in tutta la prima metà non fa registrare neanche un tiro nello specchio della porta.

I volti nuovi non incidono come i due allenatori vorrebbero sulla partita, e tutto il secondo tempo è un lento e continuo trascinarsi di possessi palla, a prevalenza Fiorentina, i quali però non sfociano mai in vere e proprie occasioni da rete.

E allora sono le mosse delle panchine a far discutere, come quella del tecnico bianconero di non concedere neanche un minuto al grande ex della partita, Dusan Vlahovic, rimasto ad osservare dalla panchina le gesta dei compagni.

Nel finale, riecco le emozioni: a due minuti dalla segnalazione del recupero, Amrabat prova a rompere gli indugi dalla distanza, ma trova sulla sua strada un Perin ancora più che pronto, di nuovo nelle vesti del salva-risultato per la Juventus.

Ma è l’unica e ultima vera chance da gol di un secondo tempo che alla fine consegna un punto per parte a Fiorentina e Juventus.

Giornalista Pubblicista, Direttore Responsabile di Momenti di Calcio. Appassionato di calcio e laureato in Giurisprudenza presso l'Università Roma Tre

Click to comment

Rispondi






Serie A








I nostri partner…







Seguici anche su Radio Momenti di Calcio







Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi







Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home