Connect with us

home

Fiorentina, in Europa ci si va segnando gol non facendo possesso palla: e l’esperienza europea della rosa…

La Fiorentina ha praticamente dilapidato in tre partite il piazzamento che le avrebbe garantito un posto in Europa nella prossima stagione

Più che la sconfitta preventivabile di San Siro hanno pesato i punti persi contro Salernitana e Udinese : tre gare nelle quali i viola hanno mantenuto altissimo possesso palla ma un solo gol peraltro inutile.

La squadra viola non gioca verticale ma solo orizzontale e le azioni offensive nascono solo quando gli esterni riescono ad arrivare sul fondo per poi mettere la palla a centro area.

Si vede sempre Gonzalez non cercare la profondità ma fare il passaggio indietro così come dall’altra parte fa Saponara: non parliamo di Ikonè schierato mezzala…

Il problema è che dietro gli esterni giocano Biraghi e Venuti ( non certamente due dribblomani) e che quindi la palla finisce spessissimo a Terracciano che deve rilanciare l’azione è non sempre lo fa in maniera brillante (vedi gol di Leao).

Di conseguenza il possesso palla finisce per essere sterile e il gioco d’attacco nullo: inutile quindi prendersela con Cabral o Piatek se palle a centro area non ne arrivano…

Cambiare modulo? Impossibile per il tecnico viola che pure contro la Salernitana ha giocato con la difesa a 4 e un solo attaccante.

Giocare in verticale? Impossibile perché l’azione deve ripartire da dietro.

E allora, come recuperare tre punti alle romane e tenere dietro l’Atalanta?

I tifosi viola si augurano che il mister riesca a trovare una soluzione ma l’impressione è che il grande merito di Italiano è quello di aver condotto la squadra a una stagione tranquilla ma che l’Europa resterà un sogno quest’anno.

Del resto, esaminando la rosa attuale non c’è nessuno che vanti esperienza europea perchè ì curriculum parlano chiaro.

Terracciano e Dragowski sono i portieri scambiati con l’Empoli, Venuti ha giocato a Lecce e Benevento, Biraghi al Pescara, Duncan ha girovagato tra Sassuolo, Cagliari e Samp, Maleh a Venezia, Igor alla Spal, Milenkovic solo viola, Gonzalez, Cabral, Ikonè sono al loro primo anno in viola, Amrabat viene dal Verona, Sottil esperienza a Cagliari, Saponara solo 8 partite col Milan.

Insomma, a parte Bonaventura e Piatek che hanno visto qualcosa al Milan per il resto, Italiano compreso che può vantare solo trascorso importante allo Spezia, l’esperienza europea della Fiorentina è praticamente pari a zero….

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home