Connect with us

home

Milan, Brahim Diaz: “Ibra può giocare ancora per anni. La 10 non è un problema”

Brahim Diaz a DAZN – Brahim Diaz, trequartista rossonero, ha rilasciato un’intervista a DAZN per parlare della sua esperienza con la maglia del Milan.

Queste le sue parole:

Qual è il suo piede preferito?
“Gioco con tutti e due, quando ho la palla al piede preferisco il sinistro, quando devo tirare il destro. Quindi se proprio devo scegliere dico il destro perchè lo uso per calciare, anche se quando dribblo uso di più il sinistro. Ho sempre giocato così”.

Che significato ha per lei indossare la maglia numero 10 del Milan?
“Mi piace avere delle responsabilità, sono un ragazzo con personalità, non mi interessa la pressione di indossare questo numero. Io penso solo a giocare come ho sempre fatto”.

C’è una cosa in cui pensa che dovrebbe migliorare?
“Nel tiro da fuori area. Mi fermo spesso dopo gli allenamenti a calciare, mi sfido anche con Ibrahimovic”.

Cosa significa giocare con Ibrahimovic?
“Ha la stessa età di mio papà. Lui è come Benjamin Button, può giocare ancora per tanti anni. Fa ancora la differenza. Che consigli mi dà? Mi dice di fare quello che so fare, ho un grande talento e devo aiutare la squadra”.

E invece con Theo Hernandez?
“Con lui siamo ottimi amici e anche con Castillejo. Facciamo molte cose anche fuori dal campo. Ogni tanto lui viene a casa mia, ogni tanto vado io da lui. Theo è bravo a cucinare”.

C’è un difensore che le piacerebbe sfidare?
“Sergio Ramos che è stato anche mio compagno al Real Madrid. Mi sono allenato con lui, so come gli piace giocare. E’ un difensore straordinario”.

Click to comment

Rispondi




Serie A





I nostri partner…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio




Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi




Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home