Connect with us

home

Vaccino Astrazeneca, ecco cosa si accetta quando si firma il consenso: leggete bene perché i dubbi sono tanti…

Premesso che il nostro giornale parla di calcio e che quindi non è nostro mestiere nè compito parlare di medicina o di vaccini per i quali non abbiamo alcuna competenza e che quindi questo articolo viene scritto solo in quanto comuni cittadini che vivono in Italia colpita dalla pandemia e che quindi, come tutti i nostri connazionali presto (si spera) dovremmo essere vaccinati.

Dopo le recenti polemiche sul vaccino Astrazeneca ci siamo presi la briga di andare a vedere cosa dice il foglietto informativo che viene consegnato unitamente al modello di consenso che dovrà essere firmato da chi sarà vaccinato.

Il modello è facilmente reperibile sul web e si può consultare e stampare.

La nostra attenzione è caduta su alcune clausole sui quali chiediamo anche il vostro parere e che, almeno a noi, inquietano molto.

1 “Al momento sono disponibili dati limitati sull’efficacia di Covid-19 Vaccine AstraZeneca in soggetti di età pari o superiore ai 55 anni”.

Domanda: se hanno dati limitati – e poi cosa vuol dire “limitati”- perché il vaccino è stato esteso fino a 65 anni? È stato testato sui soggetti con età superiore ai 55 anni? Di chi è la responsabilità se succede qualcosa ? Ovviamente non di Astrazeneca ma…del povero vaccinato!

2 “Il vaccino potrebbe non proteggere completamente tutti coloro che lo ricevono. Infatti, l’efficacia stimata dalle sperimentazioni cliniche dopo due dosi di vaccino è del 59,5% e potrebbe essere inferiore in persone con comorbosità e problemi immunitari”.

Cioè, questo vaccino è inefficace per 4 persone su 10? E cosa protegge allora…La percentuale di protezione, dopo due dosi, è del 59, 5% che già di per se è bassa figuriamoci dopo una dose sola….

 3 “Il vaccino può causare reazioni avverse. Molto comuni sono: dolorabilità, malessere, brividi e febbre, mal di testa, nausea e dolore alle articolazioni. Comuni sono: tumefazione, febbre, vomito o diarrea”. L’elenco di reazioni avverse sovraesposto non è esaustivo di tutti i possibili effetti indesiderati che potrebbero manifestarsi”

Cioè, chi si vaccina deve mettere in conto che può andare incontro a tutte queste controindicazioni e starsene zitto perché…è stato informato!

Non solo: potrebbe non essere tutto perché l’azienda non esclude altri effetti indesiderati non conosciuti nè indicati.

Della serie, vabbè noi ve lo abbiamo detto che poteva succedervi altro…

Infine si legge: “Non è possibile al momento prevedere danni a lunga distanza”.

La spiegazione di questa frase sarebbe: del futuro non si sa nulla quindi… se vi succede qualcosa …fatti vostri, noi ve lo abbiamo detto.

Lasciamo a voi amici ogni considerazione ma una finale noi vogliamo farla: se un vaccino è sicuro e ci proteggerà per sempre dal male perché siamo costretti a firmare un modello di esonero da responsabilità per l’azienda produttrice?

Chi ha stipulato contratti multimilionari con l’azienda sapeva di queste circostanze?

Se si, perché ha accettato? Se no perché ha firmato?

E infine: serve davvero un vaccino così?

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home