Connect with us

home

La moviola del mercoledì: netti i rigori di Milano e Sassuolo, Var salva-Roma

Sono andati tutto sommato bene gli arbitri nelle partite di mercoledì della venticinquesima giornata di Serie A

Questa La moviola delle partite di mercoledì della venticinquesima giornata di Serie A con il commento della Gazzetta dello Sport

MILAN-UDINESE—  c’è il calcio di rigore che dà al Milan il pareggio: su cross di Rebic dalla sinistra, Stryger-Larsen colpisce il pallone con la mano. C’è una leggera spinta di Leao sul difensore danese, ma non sembra forte da giustificare un intervento così scomposto. I friulani lamentano l’extra recupero rispetto ai 5’ concessi, ma non ci sono le basi per la protesta: dopo il 90’ ci sono state due ammonizioni, che hanno fermato il gioco e il fallo di mano arriva 5 secondi dopo il 95’. Giusto, invece, al 17’ non concedere il rigore al Milan: Kessie in area viene leggermente trattenuto da Arslan e finisce a terra. Massa fa cenno di proseguire e il Var Banti non interviene. Così come è giusto non intervenire all’88’ su una lieve trattenuta di Kjaer ai danni di Llorente.

SASSUOLO-NAPOLI—   L’arbitro Marinelli è sempre vicino all’azione, discute e decide bene senza Var, dando tre rigori ineccepibili. Il primo al Sassuolo: Hysaj colpisce il piede di Caputo; il secondo nel finale per il Napoli (Haraslin entra male su Di Lorenzo); il terzo allo scadere, con l’inutile fallo di Manolas su Haraslin. Si può discutere sul contrasto Ferrari-Politano in area del Sassuolo: in tempo reale non sembra rigore, al replay al massimo è normale dinamica di gioco. Ok i gialli a Djuricic, Demme, Ghoulam e Marlon. Var decisivo al gol di Insigne (annullato per fuorigioco) e nel convalidare quello di Zielinski .

FIORENTINA-ROMA—   Calvarese non ha difficoltà per gran parte della partita: all’8’ Ribery va giù all’ingresso in area ma Mancini sembra incolpevole. Al 37’ lascia correre, lo farà spesso sui piccoli casi, ma il fallo di Igor su Bruno Peres è piuttosto evidente, ed è un errore. Giusto il giallo a Mancini col gomito sul volto di Ribery, prendendo posizione senza caricare il colpo. Al 59’ Mayoral giù sfiorato appena da Biraghi, plateale ma non protesta, sarebbe forzato il giallo per simulazione chiesto dai viola. Corretti i gialli a Ribery netto su Pedro, dopo il vantaggio, e quello a Kumbulla che lo manda a quel Paese. All’88’ il secondo assistente sbandiera un fuorigioco (probabilmente di Karsdorp) che annulla il raddoppio di Diawara. Ma il Var ribalta: tutto regolare.

ATALANTA-CROTONE—   Poco da segnalare sulla direzione di Sozza. Corretti i due gialli a Magallan (entrata in ritardo su Magallan) e a Riviere (gomitata involontaria a Djimsiti), ne manca forse uno a Zanellato per fallo su Pessina, sempre nel primo tempo. Nella ripresa non c’è partita e per l’arbitro è un gioco da ragazzi condurla al fischio finale.

GENOA-SAMPDORIA—   Nel primo tempo Destro (21’) spinge Bereszynski che rovina su Audero: giusto fischiare fallo, pleonastico il gol a porta vuota. Ancora Destro protagonista al 35’: l’attaccante si libera di Colley con una magia, ma l’arbitro ferma l’azione per un fuorigioco del centravanti, segnalato dal secondo assistente, non così netto. È un intervento forse frettoloso, vista la verifica che il Var avrebbe comunque fatto dopo la rete. Un derby all’insegna della reciproca correttezza.

BENEVENTO-VERONA—   Non sbaglia direzione l’arbitro Ayroldi. Al 35’ Lasagna quasi sulla line di fondo anticipa Montipò in uscita: c’è un leggero contatto ma giusto non fischiare il rigore (c’è silent check col Var Guida) perché il pallone era già uscito dal rettangolo di gioco. Al 50’ regolare il 3-0 di Lasagna, che ruba palla a Glik sulla trequarti anticipandolo con la punta del piede, senza commettere fallo.

CAGLIARI-BOLOGNA—   Alla Sardegna Arena al 34’ p.t. c’è un lieve contatto tra de silvestri-Joao Pedro poco fuori dall’area del Bologna, l’arbitro Di Bello fa giocare: giusto. Proteste dei bolognesi al 39’ s.t: testa di Sansone palla sul braccio di Nandez. L’arbitro non interviene e Il Var conferma: Nandez è di spalle e il braccio è considerato congruo con il movimento. Al 44’ Pavoletti di testa, Schouten salva sulla linea: la goal line technology certifica che il pallone non è entrato. Giusti i cartellini gialli: Nandez, Antov, Schouten e Cerri. Ma rischia l’ammonizione Sansone (su Joao Pedro).

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home