Connect with us

home

La moviola della domenica: manca un rigore all’Atalanta, derby senza problemi, giusta l’espulsione di Glik

Giornata tutto sommato tranquilla con Doveri che se l’è cavata benissimo nel derby di Milano e la Var ha aiutato Pairetto a Benevento

Ecco gli episodi da moviola delle partite domenicali della ventitreesima giornata di Serie A così come riportate da Gazzetta.it

MILAN-INTER—  

Doveri arbitra bene perché non ci sono episodi molto rilevanti. Ibra protesta al 26’ per una presunta trattenuta di Skriniar in area: contatto mai da rigore. A fine primo tempo, Rebic stende Hakimi andando direttamente sull’uomo: Doveri fischia, ma non estrae un giallo che pareva starci. Corrette invece le altre ammonizioni: Kjaer su Lautaro al 12’, Hakimi su Theo Hernandez al 22’ e Saelemaekers per proteste al 54’.

PARMA-UDINESE—   Un pranzo un po’ indigesto quello di Parma-Udinese, diretta da Irrati ed il suo risultato non risente più di tanto dei suoi errori, che però ci sono. Ben 11 ammonizioni più uno alla panchina dei friulani e non tutti convincono, a partire dal primo, dopo appena 9’, a Brugman che da terra è trovato colpevole di un mani di rimbalzo. Ma al di là del giallo ci sono due episodi da potenziali calci di rigore sui quali Irrati nega un penalty a ciascuna delle due squadre. Ed in entrambi i casi si tratta di decisioni che non convincono: nella prima, al 15’, Walace sembra andare intenzionalmente con una spallata su Karamoh che va sulla palla. Nel secondo, stessa area a parti invertite, al 86’ Conti sembra colpire Ouwejan che gli ruba il tempo. In entrambi casi Irrati, pienamente in controllo dell’azione, valuta e ‘spegne’ il Var che lascia la sua decisione. Tutto questo al netto del giusto rigore assegnato al Parma per un fallo netto di Becao su Mihaila e del gol annullato, giustamente, prima dal primo assistente e poi dal check del Var Piccinini per la palla uscita prima del centro di Ouwejan al 75’.

ATALANTA-NAPOLI—   In Atalanta-Napoli Di Bello non sanziona al 17’ il contatto Mario Rui-Pessina in area campana. Il portoghese tocca il centrocampista nerazzurro sul ginocchio, ci stava il rigore per i padroni di casa e il cartellino giallo al difensore del Napoli.

Perché il Var Fabbri non interviene? Di Bello è in controllo dell’azione, non si tratta di un “serious missed incident” e da protocollo l’intensità del contatto, che c’è ma non è clamoroso, è valutabile dall’arbitro in campo. Nove minuti dopo, espulso Gasperini, che protesta ancora per il penalty non fischiato e lascia il campo urlando: “Era un rigore grosso come una casa, non ho detto nulla, voglio vedere cosa scrivi sul referto”. Corretti i cartellini gialli a Di Lorenzo e Djimsiti, convince meno il fallo che precede quello a Gosens: il tedesco protesta all’86’ dopo un fischio (fiscale) per un tackle su Di Lorenzo e Di Bello lo ammonisce. Si poteva evitare.

BENEVENTO-ROMA—   Direzione in crescendo per Pairetto: non è sbagliato il primo giallo a Glik per il blocco al 45’ su Mkhitaryan, è puntuale il secondo per l’entrata dura sullo stesso avversario. Al 95’ vede il rigore per la Roma (che c’è) quando Foulon colpisce El Shaarawy, ma il Var rileva il fuorigioco di Pellegrini che riavvolge il nastro.

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home