Connect with us

Ultime news

Cagliari, Nainggolan rivela: “Conte? Rimasto ferito dal suo comportamento. Zaniolo? È uguale a me”

“Conte? Mi concedeva 8 minuti e mi indicava responsabile di tutto”. Queste le parole di Radja Nainggolan al quotidiano sportivo Il Corriere dello Sport in edicola questa mattina sull’avventura all’Inter. Il centrocampista del Cagliari chiarisce: “In nerazzurro ho avuto un grandissimo tecnico, ma sono rimasto ferito quando dopo avermi concesso solo otto minuti di partita mi ha indicato come responsabile di tutto. Che potevo fare in otto minuti? Non ho aperto polemiche a quei tempi, non lo faccio ora. E’ andata così. Sono sano, integro. Non ho mancato un allenamento, non faccio un minuto di ritardo”.

Un consiglio per Zaniolo? 
“Io non faccio il maestro di vita che dà consigli. Ma l’unico modo che ha per rispondere è il campo. Per il resto deve farsi forza e andare avanti. A chi lo attacca risponderà con le prime partite che gioca” .

Come è andata veramente la nota vicenda della nottata di Capodanno di qualche anno fa.
“L’ho pagata. Voglio dirlo chiaramente: ho sbagliato io, non dovevo bere, non dovevo comportarmi così. Ma chi è che non fa un errore, nella vita? Mi rivedo in Zaniolo perché anche io sono attaccato, trollato sui social. È facile essere messi in mezzo. L’unico modo è ignorare, fregarsene.  

Nainggolan e Di Francesco di nuovo insieme, dopo l’esperienza nella Roma. Impossibile non chiederle un ricordo della notte del 3-0 al Barca. Nessuno si dimentica di me a Roma, vuol dire che ho lasciato qualcosa di importante”. Poi il ricordo più bello: “Non ho dubbi, la semifinale di Champions”. Per arrivarci la Roma, allora di Di Francesco, ribaltò il 4-1 dell’andata contro il Barcellona, vincendo 3-0 all’Olimpico: “Pensavamo fosse impossibile ma ci siamo riusciti. Abbiamo costruito la vittoria passo dopo passo, guardandosi negli occhi in campo. Il legame con i compagni resterà per sempre dopo questa impresa”. La cosa strana è che Nainggolan non ricorda nulla di ciò che è accaduto dopo il 3-0 di Manolas: “Il buio, non solo quella sera, ma per i tre giorni successivi. Lo giuro, ho solo lampi e immagini confuse. Non ho memoria di essere uscito dal campo, di essermi rivestito e dei festeggiamenti”. Il rimpianto più grande di Radja? “Quella squadra l’anno dopo è stata smantellata”.

Il suo stato di forma attuale? È pronto per giocare? “Se Di Francesco mi chiama io ci sono. Non ho saltato un allenamento e sono sano e integro”.

Fonte: Il Corriere dello Sport

loading...

Redattore, appassionato di calcio italiano ed estero... Curo e seguo con molta attenzione tutti i migliori campionati esteri.

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in Ultime news