Connect with us

home

Serie B, la Salernitana passa a Venezia, tiene l’Empoli, perde terreno la Spal6

La 15a giornata di Serie B vede la Salernitana confermarsi in testa alla classifica grazie al 2-1 al Venezia firmato da Anderson

Appena dietro, resta a -1 l’Empoli, che passa a Brescia 3-1. Alle spalle delle prime due solo il Lecce (2-1 in rimonta sul Vicenza) tiene il passo, mentre perdono terreno Spal (sconfitta ad Ascoli 2-0) e Frosinone (1-1 a Pordenone).

Il Pisa riprende il Cosenza 1-1, mentre la Reggina sbanca 1-0 Reggio Emilia con Bellomo.

Questa la classifica aggiornata e la cronaca delle partite riportate da Sportmediaset.

Salernitana 31

Empoli 30

Cittadella** 26

SPAL 26

Frosinone 25

Lecce 24

Monza* 23

Venezia 23

Chievo** 20

Pisa 19

Brescia 18

Pordenone 18

Vicenza* 16

Cremonese* 15

Reggiana* 15

Cosenza 14

Reggina 14

Pescara 12

Ascoli 9

Entella 8

*una partita in meno
**due partite in meno

BRESCIA-EMPOLI 1-3

Dopo due pareggi consecutivi l’Empoli ritrova il successo e resta a -1 dalla Salernitana, tenendo il passo della capolista. Joronen salva i padroni di casa con un riflesso su Matos, ma nulla può poi al 12’: pallone in verticale di Bajrami per Hass, il quale fulmina di destro in diagonale il portiere delle Rondinelle. La sfera tocca il palo e s’insacca in rete. I toscani continuano a proporsi molto bene in fase offensiva e al 40’ trova il raddoppio: Matos ha campo aperto in contropiede, Haas supera con un pallonetto Joronen, ma la palla sbatte sulla traversa e così ci pensa La Mantia a depositare il gol dello 0-2. Sul finire del primo tempo, però, il Brescia dimezza le distanze con un rigore trasformato da Torregrossa (fallo di Fiamozzi su Spalek), che spiazza Brignoli. Nel finale, dopo che Joronen aveva atterrato Moreo, è Mancuso a chiudere il match ribattendo, dopo l’assist di Parisi, il suo stesso rigore che aveva colpito il palo. Il Brescia scende in undicesima posizione.

REGGIANA-REGGINA 0-1

Il “derby delle due Reggio”, che mancava nei calendari ufficiali del calcio italiano da ben 21 anni, sorride alla squadra di Reggio Calabria e, soprattutto, a Marco Baroni, che alla terza partita sulla panchina amaranto festeggia il primo successo. Le emozioni al Mapei Stadium di Reggio Emilia, in realtà, si contano sulle dita di una mano per quasi tutti i 90 minuti, ma almeno a livello di possesso palla e territorio sono gli ospiti a farsi preferire dall’inizio alla fine, legittimando così un successo che mancava da ben cinque partite. Gli amaranto gestiscono stabilmente il gioco nella metà campo degli emiliani, ma tutto ciò non sembra sufficiente per creare veri grattacapi nei confronti di un Cerofolini sempre attento. All’87’, poi, gli amaranto restano in dieci per l’espulsione di Stavropoulos, punito con il secondo giallo da Amabile per una trattenuta ai danni di Kargbo, e il match sembra veleggiare verso lo 0-0. Soltanto due giri di lancette dopo l’espulsione, però, la Reggina trova a sorpresa il gol vittoria: a firmarlo è Nicola Bellomo, che prima centra il palo su cross di Rivas e poi non sbaglia sulla ribattuta. Quello del classe 1991 è il gol-vittoria, fondamentale per rimettere in moto un meccanismo che pareva inceppato. I granata, invece, confermano il loro momento no: solo un punto guadagnato nelle ultime quattro giornate.

ASCOLI-SPAL 2-0

Passo falso della Spal che perde ad Ascoli contro la penultima della classe e rallenta la propria marcia nelle posizioni di vertice. I ferraresi fanno più fatica del solito a produrre una manovra armoniosa e soprattutto a concretizzare le occasioni prodotte in zona gol. L’Ascoli invece è più cinico e con una rete per tempo di Sabiri (a segno al 28’ e al 75’) centra il secondo successo del proprio campionato condannando al contempo la banda di Marino al primo stop dal 12 dicembre.

COSENZA-PISA 1-1

Cosenza e Pisa (due delle squadre con più pareggi fino a questo punto in campionato) provano in tutti i modi a concludere con un esito diverso dal pari la sfida del San Vito ma alla fine non riescono ad andare l’oltre l’1-1. La prima grande occasione della gara per sbloccare il risultato la sprecano gli ospiti al 6’ con Vido che non concretizza malamente un calcio di rigore. La partita si gioca sul filo dell’equilibrio ma al 43’ Bahlouli sblocca il risultato per i padroni di casa. La reazione del Pisa arriva sono nella parte finale della ripresa quando con Gucher su assist di Soddimo i neroazzurri riescono a impattare sull’1-1, punteggio con il quale poi, dopo un lungo recupero, si chiude la contesa.

ENTELLA-PESCARA 3-0

Primi tre punti in stagione per l’Entella che in casa ha ragione di un Pescara arrivato invece al 9 ko in campionato. Mattatore del primo tempo è De Luca che prima, al 16’, serve l’assist dell’1-0 Schenetti, poi sbaglia un rigore ma sulla respinta si fa perdonare siglando il 2-0 al 32’. I liguri, in controllo della gara, non si fanno sottrarre le redini del gioco da un Pescara troppo remissivo per crederci e così al 95’ con Cardoselli mettono anche la ciliegina sulla torta di una gara che in casa biancoazzurra sperano possa rappresentare la svolta della propria stagione.

FROSINONE-PORDENONE 1-1

Soffre il Frosinone a Pordenone dove solo nel finale la banda di Tesser riesce a trovare il pari. La partita non brilla per spettacolarità e viene sbloccata dai padroni di casa al 53’ con Diaw. I neroverdi allora, alla ricerca della quarta vittoria in campionato, provano in tutti i modi a stringere le maglie per evitare il ritorno degli ospiti i quali però all’84’ insaccano con Parzyszek il definitivo e disperato 1-1, un risultato che consente ai laziali di limitare i danni e soprattutto di non subire il secondo stop consecutivo dopo quello col Cittadella del turno precedente.

LECCE-VICENZA 2-1

Dopo due ko di fila contro Pisa e Spal, il Lecce riprende a far punti conquistando una vittoria d’orgoglio contro il Vicenza. Gli ospiti, consci del momento poco felice dei padroni di casa, sorprendono i salentini al 15’ con la rete di Marotta e chiudono avanti il primo tempo. I giallorossi però non ci stanno a subire l’ennesima sconfitta e in tre minuti, prima con Mancosu al 70’ e poi con Delgado al 72’, ribaltano di forza la gara ritrovando, dopo qualche brivido nel finale, un successo che mancava esattamente da un mese.

VENEZIA-SALERNITANA 1-2

Si conferma in testa alla classifica di Serie B la Salernitana di Castori. La formazione campana, grazie al 2-1 sul campo del Venezia, interrompe la striscia di due pareggi consecutivi e con i tre punti raggiunge quota 31 in classifica, momentaneamente a più quattro sull’Empoli secondo. La gara si decide poco dopo la mezz’ora quando Anderson in meno di cinque minuti (al 34’ e al 38’) mette a segno un uno-due che piega le ambizioni dei padroni di casa. Nella ripresa, infatti, la Salernitana amministra e subisce il gol del 2-1 di Crnigoj solo a tempo praticamente scaduto (91’), una rete che non basta ai lagunari per evitare la quarta sconfitta in campionato.

(Fonte Sportmediaset)

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home