Connect with us

home

Atalanta, Percassi alla Ponzio Pilato: l’atteggiamento della società scontenta Gasperini e la squadra

Dopo l’aspro confronto nell’intervallo del match contro il Midtjylland, il rapporto fra Gasperini e Gomez è ormai compromesso ma al momento sono esclusi colpi di scena. La volontà della famiglia Percassi è quella di andare avanti cosí, almeno fino al termine della stagione.

Gasperini è apparso molto teso, come svuotato dalla tensione accumulata in questi giorni.  Gli ottavi di Champions non hanno cambiato le sue convinzioni: l’allenatore, infatti, fisserà a breve le sue condizioni anche sul mercato, dove vuole avere più voce in capitolo. Rientrata – salvo clamorosi rovesci – l’ipotesi dimissioni. Gasperini ha da poco prolungato il suo contratto fino al 2023 e guadagna 3 milioni a stagione.

Gomez e Ilicic non erano stati convocati per l’impegno di campionato a Udine (partita poi rinviata per maltempo). Gasp è rimasto umanamente deluso dal comportamento dello sloveno che, sui social, si è schierato apertamente dalla parte dell’argentino.  

Nonostante lo abbia aspettato e coccolato, concedendogli molte chance, Ilicic è sempre apparso lontano dagli standard dei tempi d’oro e a gennaio potrebbe partire. Difficile invece che il Papu possa andare via dall’Atalanta, almeno nell’immediato.

L’obiettivo della società è quello di portare a termine la stagione evitando soluzioni traumatiche. Ma in generale, sia Gasperini che i giocatori si aspettavano un intervento più fermo da parte del presidente Percassi che, non schierandosi apertamente con nessuno, avrebbe di fatto scontentato tutti.

(Fonte SkySport)

Click to comment

Rispondi






Serie A








I nostri partner…







Seguici anche su Radio Momenti di Calcio







Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi







Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home