Connect with us

Ultime news

Inter, Conte ed il caso Eriksen: ecco i cinque motivi per i quali il danese non é adatto al gioco di Conte

Quando veste la maglia della sua Danimarca, eccolo che Christian Eriksen sorride. Indossa la fascia, urla ai compagni, è pienamente dentro al gioco e alla squadra. Sa di essere importante, di essere il centro di tutto, di essere il campione che è sempre stato. Costruisce, illumina, fa gol. Tutto ciò che invece non percepisce minimamente quando trasferisce corpo e mente ad Appiano Gentile e incrocia lo sguardo di Antonio Conte. Per il quale un calciatore ideale deve possedere tre caratteristiche irrinunciabili: forza, velocità e resistenza. La tecnica, quella, deve avercela a prescindere perché “se giochi in una società come l’Inter è scontato che ci sia”. A ben vedere, oltre che pensare accuratamente, l’ex Tottenham queste caratteristiche parrebbe inglobarle tutte quante. E allora perché il tecnico dei nerazzurri proprio non lo vede questo fior fiore di giocatore? Perché, pur invocando esperienza internazionale per compiere altri passi in avanti, rinuncia al talento indiscutibile di uno dei trequartisti più illuminanti degli ultimi anni in campo europeo? Può darsi che Conte non le abbia citate tutte le caratteristiche fondamentali che un suo giocatore deve necessariamente avere. Come, ad esempio, la naturale attitudine alla doppia fase. O, altro esempio, la disponibilità ad accettare delle linee guida ben precise e, poi, la volontà di metterle in pratica. O, ancora, la schiettezza e il vis a vis come tipologia di confronto standard: ad Antonio da Lecce la gente di poche parole, quella che non ti fa capire ogni giorno che a tutto è disposta pur di stare in prima linea, non è mai piaciuta. Ecco, forse, pur trattenendone di altre caratteristiche determinanti perché Conte possa giudicare un giocatore fatto per lui e per la sua idea di calcio, queste bastano per spiegare il poco peso che Eriksen ricopre nella testa di mister 12 milioni l’anno. Uno che punta a dar vita nell’Inter a una nuova cultura. Di gioco, di scelte, di obiettivi. Per farlo servono gli uomini giusti. Che per ritenersi tali, è essenziale che sia lui e solo lui a sceglierli. Nessun altro, per nessuna ragione al mondo.

Fonte: Tuttomercatoweb

loading...

Redattore, appassionato di calcio italiano ed estero... Curo e seguo con molta attenzione tutti i migliori campionati esteri.

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in Ultime news