Connect with us

home

Fiorentina, il primo giorno di Prandelli: “In questi 15 anni ho sempre pensato alla Viola e comprato gli abbonamenti per vedere la squadra”

Cesare Prandelli alla Fiorentina, dopo la prima avventura durata dal 2005 al 2010, ha iniziato la sua seconda volta

L’ex ct della Nazionale è arrivato al Centro Sportivo ‘Davide Astori’ dove nel pomeriggio dirigerà il primo allenamento: “Non avrei mai pensato di essere uno dei papabili per questo posto – ha esordito Prandelli in conferenza –. Ho trovato una società coesa, decisa e determinata a iniziare un lavoro di squadra, in campo e fuori”. Qualcosa cambierà dal punto di vista tattico: “Ho in mente qualcosa, ma prima voglio parlare coi giocatori che devono essere convinti dei cambiamenti”

Con lui il suo vice Gabriel Pin e i due collaboratori Marco Fumagalli (match analyst) e Valter Vio (preparatore atletico). Prandelli farà da ‘traghettatore’: per lui contratto fino a fine giugno.

Per l’ex ct della Nazionale è un ritorno in viola: “In questi 15 anni ho sempre pensato alla Fiorentina e ho sempre comprato anche gli abbonamenti per vedere la squadra. Sono sempre stato trattato bene e spero di dare tanto. Tra me e la Fiorentina ci sono sentimenti veri e profondi, mi sono messo al servizio della società con una doppia responsabiità, da allenatore e da tifoso vero. Firenze è una città molto particolare ed esigente, dobbiamo essere bravi ed avere grande rispetto della gente”.

Nei giorni scorsi Prandelli aveva parlato di Kouamé e Amrabat e proprio loro due potrebbero vedere i cambiamenti principali nel modo di giocare rispetto all’era Iachini: “Di idee ne ho, ma prima parlerò coi ragazzi. Per me Kouamé è una seconda punta che dà profondità, mentre Amrabat non è un giocatore che può dettare i tempi, ma ha qualità straordinarie e può giocare davanti alla difesa. Questa squadra ha un motore forte e le basi per lavorare bene ci sono tutte”.

Come sempre in questi casi il rischio è di una minestra riscaldata con pochi risultati. Pericolo che Prandelli ha voluto correre senza troppi pensieri: “Ho scelto con il cuore e l’istinto. Non me ne sarei mai andato da Firenze e tanti tifosi mi hanno chiesto di tornare. Voglio riprendere il discorso dove l’ho lasciato”. Positivo l’incontro con il presidente Commisso: “Ho trovato una persona di una sensibilità straordinaria, mi ha detto che prima di iniziare voleva salutare prima Iachini, non è scontato. Vogliamo creare qualcosa di importante”.

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home