Connect with us

Ultime news

Napoli: Ecco quali sono le cinque mosse tattiche di Gattuso, che hanno fatto cambiare marcia alla squadra

Per la vittoria del Napoli contro l’Atalanta gran parte della stampa sportiva s’è rifugiata in una serie di banalità ricorrenti quando non si entra nel racconto del match dal punto di vista tattico. Prima dell’aspetto fisico e mentale, che pure hanno la loro valenza, il Napoli ha demolito l’Atalanta a livello tattico, arrivando quasi a snaturarsi per contrapporsi al meglio alla squadra di Gasperini. Ed il 4-2-3-1, studiato sin dall’anno scorso e costruito nelle poche occasioni estive, va proprio nella direzione di determinati avversari che – in Europa, ma da un po’ di anni anche in Italia – estremizzano molte fasi del gioco, a partire dalla pressione ultra-offensiva o a tutto campo. Sono stati tanti gli accorgimenti messi in campo da Gattuso, annullando un avversario che – riassumendo brevemente – ha costruito la sua fortuna sui corpo a corpo a tutto campo (per rubare e ripartire), le rotazioni esterni-centrocampisti e lo sviluppo sulle catene laterali.

NIENTE POSSESSO – Al di là del dato finale (52%-48% per gli azzurri), Gattuso ha rinunciato al possesso nella metà campo offensiva, quello pericoloso alzando il baricentro, quello che esalta le doti dei nerazzurri che una volta rubata palla nei duelli individuali poi gli apre campo davanti per ripartire in faccia agli avversari. Dei 25’48” di possesso effettivo del Napoli, solo 11′ sono stati nella metà campo avversaria, sempre in verticale e quasi mai stazionando e salendo di squadra. Altri dati evidenti? L’Atalanta alla fine ha chiuso con 429 passaggi riusciti contro i 395 del Napoli e più possesso nella metà campo avversaria, dove aveva già il pallone tra i piedi e trovava la difesa schierata. Quello che voleva Gattuso.

VERTICALITA’ – E’ la base del passaggio al 4-2-3-1, con un centrocampista in meno rispetto al ‘4-3-3 fraseggiato’ (o sarriano, come preferite) che prevede la risalita lenta del campo e che permette agli avversari di ripiazzarsi. Contro l’Atalanta, che estremizza la pressione, lasciando i tre difensori centrali (a volte anche due) allo scoperto, il Napoli ha rinunciato totalmente alla costruzione del gioco. In questo senso è stata fantastica la prestazione di Fabian, che ha potuto mostrare la sua grande visione di gioco lanciando a ripetizione Osimhen o Lozano per creare subito dei 4 vs 4 nell’altra metà campo con i tre centrali nerazzurri aiutati spesso solo da uno dei quinti del lato debole. Napoli-Atalanta s’è chiusa con l’11% di lanci (contro il Genoa, per esempio, c’era stato il 5%).

Fonte: Tuttonapoli

loading...

Redattore, appassionato di calcio italiano ed estero... Curo e seguo con molta attenzione tutti i migliori campionati esteri.

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in Ultime news