Connect with us

home

Francesco Bonfanti (Diretta Stadio 7Gold) a MDC: “Pirlo mi incuriosisce, il Milan rischia con Donnarumma. Sarà un campionato bellissimo”

In esclusiva per la redazione di Momenti di Calcio il giornalista e conduttore della trasmissione sportiva Diretta Stadio in onda su 7Gold Francesco Bonfanti ha risposto ad alcune nostre domande riguardo al nuovo campionato di Serie A che sta per partire, sul mercato e su molto altro

Ci siamo quasi, il campionato sta per ripartire ma con ancora tanti punti interrogativi. Considerando il contesto particolare che stiamo vivendo come siamo messi a pochi giorni dal via e a che punto è il calcio italiano?

“Ci sono ancora tanti punti interrogativi è vero, riguardano soprattutto la gestione del pubblico e degli stadi, in questo momento non si può ancora accedere allo stadio, forse è la soluzione migliore considerando che i dati del Covid sono in leggera risalita quindi  è opportuno fare le dovute verifiche e aspettare un po’ più di tempo per tornare allo stadio in sicurezza. Il fatto che ricominci il campionato è un’ottima notizia, ero convintissimo anche nei periodi più bui che sarebbe ripartito, non poteva non ripartire era impensabile che l’azienda calcio si potesse fermare. Il nostro campionato a me piace molto, perchè è vero che la Juve domina da nove anni, ma il nostro campionato è sempre acceso, molto vivo, molto equilibrato a differenza di altri tornei. La lotta alla Champions in Italia è assolutamente spettacolare fino a poche giornate dalla fine come spesso lo è la lotta per non retrocedere. Sono molto contento di poter commentare il campionato italiano, non mancano mai le sorprese, c’è sempre qualcosa di nuovo e di diverso e credo sarà cosi anche quest’anno”

Il calciomercato terminerà il 5 ottobre, a campionato ormai già avviato, condividi questa scelta? Quale società si è mossa meglio a tuo parere finora sul mercato?

Purtroppo è un’abitudine, spesso e volentieri è successo così, è ovvio che sarebbe meglio chiudere il mercato prima dell’avvio della stagione, sarebbe la scelta migliore, ma è una prassi ormai normale, credo che le squadre abbiano già fatto i grandi colpi, ora ci sono le occasioni dell’ultimo minuto, giocatori che all’ultimo momento vogliono andare via, siamo in una fase un po’ di stanca del calciomercato, credo che l’ultima settimana sarà assolutamente esplosiva.”

Ti convince la scelta della Juventus di puntare su Pirlo come tecnico?

Più che convincermi mi incuriosisce l’idea di Pirlo allenatore della Juventus, un’idea coraggiosa sicuramente. voluta da Andrea Agnelli, una presa di posizione forte di una società forte, di un Presidente secondo me rimasto scottato dall’idea di Sarri che lui non avrebbe mai portato alla Juventus, è stata un’idea di Paratici e Nedved. 

E’ un allenatore che ha la capacità di entrare nello spogliatoio, nel senso che ha l’autorità per potersi confrontare con personaggi scomodi, ingombranti, campioni come Cristiano Ronaldo perchè i giocatori non sono tutti uguali, un conto è Sarri che si rivolge a Ronaldo un giocatore che ha fatto 700 gol in carriera e vinto 5 palloni d’oro, un conto è se lo fa Pirlo che in qualche modo ha affinità, parla la stessa lingua del campo con il portoghese, anche se c’è comunque il rischio che Pirlo possa venire percepito più come giocatore che come allenatore, fu il grosso problema di Filippo Inzaghi al Milan. Pirlo dovrà riuscire a mettere dei paletti, capire di essere l’allenatore e non più ex giocatore, prendendo anche delle decisioni talvolta dolorose con l’autorità necessaria per fare l’allenatore a determinati livelli”

L’Atalanta di Gasperini riuscirà secondo te a ripetersi o sarà dura per i bergamaschi mantenersi a questi livelli?

“L’anno scorso c’era la convinzione che l’Atalanta non potesse ripetersi e invece si è ripetuta, dico che l’Atalanta può continuare a stupire perchè il grosso banco di prova l’ha superato nella scorsa stagione confermandosi e tornando in Champions League e facendo un ottima figura dalla prima all’ultima giornata. Si pensava che l’Atalanta avesse la rosa troppo corta invece non è stato così, si pensava che l’Atalanta non riuscisse a gestire il doppio impegno campionato/Champions League e in realtà non è stato così, ha pagato lo scotto della Champions all’inizio ma poi ha rimontato alla grande disputando una stagione assolutamente meravigliosa.

La squadra di Gasperini è una realtà del calcio italiano, va considerata come una delle quattro grandi in questo momento, la famiglia Percassi sta lavorando benissimo, hanno una struttura societaria eccellente, hanno un ottimo settore giovanile, i conti a posto, e hanno uno stadio di proprietà, mi sembra che questo sia il quadro di una realtà assolutamente vincente che va presa come modello ed esempio e soprattutto ha un allenatore in panchina capace di far giocare un gran bel calcio alla propria squadra. Credo che l’Atalanta possa confermarsi ai suoi livelli.”

Parlando dell’Udinese, com’è visto il modello Udinese in questo momento e a chi critica la gestione dei Pozzo cosa diresti? Un altra realtà che si sta imponendo in Friuli è anche il Pordenone di Tesser che ha sfiorato la A, hai avuto modo di seguirlo?

“L’Udinese è sempre stata una grande realtà del calcio italiano, non ha avuto l’exploit di un’Atalanta ma il modello vincente è lo stesso, una famiglia attenta, una gestione oculata, una famiglia che preferisce crescere dei giocatori in casa e poi rivenderli a prezzi altissimi, l’ultimo che potrebbe fare questo tipo di percorso è Rodrigo De Paul. Sicuramente è normale che ci possano essere delle critiche riferite a questo tipo di gestione, però è anche una scelta abbastanza condivisibile, probabilmente l’Udinese potrebbe osare un po’ di più, potrebbe provare a investire un po’di più sui giovani, fare un po’ come ha fatto l’Atalanta.

Atalanta e Udinese sono due realtà abbastanza simili per come sono radicate nei rispettivi territori, per la gestione molto attenta, due società importanti alle spalle con la differenza che l’Atalanta ha trovato un allenatore come Gasperini che ha fatto fare il salto di qualità ai bergamaschi, cosa che l’Udinese non è ancora riuscita a fare ma sicuramente è un modello da prendere in grande considerazione anche se in questo momento gli investimenti sul mercato non fanno pensare a una società che voglia andare molto al di là di una posizione di centro classifica. 

Il Pordenone l’ho seguito abbastanza, c’è stata questa beffa finale nei playoff quando sembrava veramente ad un passo dalla finale. E’ una società che ha lavorato molto bene, può essere la sorpresa di quest’anno, assolutamente sì, se avranno la capacità di rimanere concentrati fino alla fine e potrebbe essere utile la lezione dell’anno scorso nel capire quanto sia importante arrivare nei primi due posti in serie B per evitare i playoff che poi di per sè sono un campionato a parte con tutti i rischi che purtroppo il Pordenone ha imparato sulla sua pelle a conoscere”

C’è un nome di un giocatore di serie A, italiano o straniero sul quale punteresti ad occhi chiusi per questa nuova stagione? ti aspetti qualche colpo di mercato dell’ultim’ora?

“In questo momento è facile dire Cristiano Ronaldo e Lukaku, ovviamente sono loro che sono chiamati a caricarsi sulle spalle i destini di Juventus e Inter che secondo me saranno le due squadre che si contenderanno il campionato fino alla fine. Ci si attende moltissimo da due giocatori di questo tipo sia in Italia che in Europa, Ronaldo è uno che segna, segna tanto e continuerà a farlo, Lukaku è stato una delle sorprese dello scorso campionato e per essere il suo primo anno in Italia è andato ben oltre le aspettative.

Colpi di mercato dell’ultim’ora? Attenzione all’Inter, se i nerazzurri vendono potrebbero puntare davvero al colpo grosso ovvero Kantè anche se il Chelsea non è disposto ad abbassare il prezzo, un po’ piu difficile il doppio colpo Kantè-Marcos Alonso però ripeto tutto dipenderà dalla capacità dell’Inter di vendere e in questo momento non è facile, bisogna saper vendere oltre che saper comprare e l’Inter ha diversi giocatori che in questo momento non riesce a piazzare, dò quasi per scontato l’arrivo di Vidal, eccellente il colpo Kolarov a parametro zero, Akimi è sicuramente un prospetto straordinario, l’Inter secondo me ha lavorato veramente molto bene e probabilmente è stata la più convincente da questo punto di vista, in seconda battuta ci metterei comunque il Milan che con la conferma di Ibrahimovic, con il fatto di aver già riscattato Rebic e con il colpo Tonali, sicuramente in fase di acquisto il Milan ha fatto molto bene, mezzo punto in meno perchè si è ridotto all’ultimo con il discorso Donnarumma e questo è un grosso problema per il Milan. Le parti mi risultano abbastanza lontane, il giocatore vorrebbe rimanere al Milan ma essersi ridotti a pochi mesi dalla scadenza del contratto è una cosa che rischia di costare molto caro ai rossoneri”

7Gold seguirà come sempre le vicende calcistiche con grande passione e competenza, avete qualche sorpresa per gli ascoltatori?

7Gold continuerà a seguire tutte le serie di calcio, con Diretta Stadio, Diretta Mercato, il Processo, percui la nostra squadra è assolutamente confermata, non avremo per qualche settimana Francesco Oppini che è in procinto di intraprendere un avventura professionale, lavorativa, una piccola parentesi ma poi da gennaio sarà di nuovo con noi. La novità maggiore sarà un graditissimo ritorno, per ora non posso fare il nome perchè ri-debutterà sui nostri schermi tra poco più di una settimana ma per chi segue 7Gold da tanti anni sul fronte juventino ecco diamo questo indizio, sarà un ritorno penso molto gradito”

A cura di Massimo Liva

 

 

 

loading...

Seguo con interesse l'Udinese e in generale tutto il calcio

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



Le Dirette di Momenti di Calcio

La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home