Connect with us

home

Porte chiuse? In Danimarca stadio virtuale e tifosi collegati su Zoom

In Danimarca studiano il modo per far sentire la vicinanza dei tifosi allo stadio: maxischermi e pubblico su Zoom

Porte chiuse e niente spettatori: il calcio è pronto a ripartire ma lo dovrà fare senza tifosi. Per qualche mese sarà impossibile assistere alle gare dal vivo ed allora le società studiano come rimediare all’assenza del sostegno dei tifosi. Un’idea tanto discutibile quanto originale arriva dalla Danimarca dove l’Aarhus Gymnastikforening sta pensando di installare dei maxischermi sugli spalti sul quale proiettare le immagini dei tifosi, collegati tramite Zoom.

I sostenitori, al di là del tifo, potranno collegarsi ed assistere all’evento quasi ‘dal vivo’. Un’idea che sarà sperimentata già alla prima partita dopo la ripresa del massimo campionato danese contro il Randers.

La situazione generale impone di tenere i tifosi lontani dagli stadi, e si protrarrà per un po’ di tempo, potrebbe quindi forse ispirare un’iniziativa similare anche per molti altri club, e verosimilmente diventare “virale” un’idea più contagiosa del Covid-19 stesso. Rimarrebbe comunque un surrogato di tifo, buono in momenti di estrema emergenza, non avendo nulla a che fare con il clima da stadio appassionerebbe giusto chi non conosce l’atmosfera di una curva.

loading...

Laurendo in Lettere all'Università di Roma Tre, appassionato di calcio ed in generale di tutti gli sport.

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home