Connect with us

home

Un taglio degli stipendi manderebbe in crisi l’80% della Serie C: ecco il perchè

Il mondo del calcio delle ultime settimane è sempre più al centro di un intricato dibattito sulla quantificazione del taglio degli stipendi visto lo scontro tra la Lega di A e l’AIC (Associazione Italiana Calciatori). Paradossalmente, sembra esser più semplice un accordo nel massimo campionato di Serie A mentre nelle serie inferiori è tutto ancora molto in divenire viste le enormi difficoltà che una riduzione creerebbe ai singoli calciatori.

Gli attori principali del rettangolo verde della massima serie, infatti, sono stati accusati a più riprese di essere dei “viziati”, non tenendo conto della difficile situazione che tanti italiani stanno patendo per l’epidemia. A dire la sua su un tema così delicato è stato Riccardo Mengoni, portiere di 34 anni, che si è sempre disimpegnato nelle serie minori e quindi ha sempre osservato da lontano quanto avviene ai massimi livelli. Una testimonianza che, in questo senso, non vuol far riflettere che il “Pallone” non è solo la rappresentazione dei campioni milionari: “Cassa integrazione per i calciatori? Direi di sì. In Serie C l’80 per cento dei calciatori guadagna tra i 1000 e i 1500 euro al mese. Perdere uno stipendio o una percentuale di stipendio ti fa andare in crisi“, le parole del giocatore (riportate dall’Ansa).

Il portiere della Vibonese ha poi aggiunto: “Purtroppo i contratti a livello economico si sono abbassati molto, anche nelle categorie più basse. Per un ragazzo che gioca in Serie C perdere uno stipendio o una percentuale di stipendio significa andare in crisi. La Vibonese ad esempio, è una squadra molto giovane, ci sono 12 ragazzi al minimo di contratto, stipendi da mille euro al mese: soprattutto in questo momento tanti di loro hanno avuto il problema di pagarsi l’affitto o il vitto. Per loro è diventata davvero difficile. In questa categoria siamo quasi tutti sul minimo, qualcuno che guadagna qualcosa in più c’è ma sono casi più unici che rari. Anche in Serie A in tanti squadre gli stipendi sono livellati verso il basso e a cascata”.

A questo punto è da capire quali saranno le misure che il Governo e la Figc adotteranno per far sì che il calcio, come anche lo sport in generale, a livello di struttura di sistema in sè, resisterà alla crisi.

loading...

Laurendo in Lettere all'Università di Roma Tre, appassionato di calcio ed in generale di tutti gli sport.

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home