Connect with us

home

Milan, continuano le trattative per la cessione del club a Bernard Arnault: nodo stadio e valutazione del club i maggiori problemi

Bernard Arnault fa sul serio e, nonostante le voci contrastanti degli ultimi mesi, è realmente al lavoro per valutare un possibile acquisto del Milan.

Il giornalista Bruno Longhi di Sportmediaset, intervistato da Milannews, ha parlato di “una trattativa che, per quel che mi risulta, c’è”. Non solo, perché tra le novità assolute sulla questione rispunta una vecchia conoscenza milanista, Ariedo Braida. L’ex dirigente rossonero avrebbe infatti incontrato Arnault per conto di Elliott e starebbe svolgendo un ruolo da intermediario nella complicata trattativa per la cessione del club al Re francese del lusso.

Di Arnault e dei suoi prestigiosi marchi – la multinazionale LVMH è proprietaria di oltre 70 firme di alta moda come Christian Dior, Bulgari, Fendi, Givenchy, Kenzo, Loro Piana e Louis Vuitton, di orologi come TAG Heuer, di gioielli come Tiffany & Co., di vini e liquori come Moët & Chandon, Veuve Clicquot, di editoria come Les Échos e Le Parisien, e di alberghi di lusso – si è detto molto e molto si è saputo anche sul fronte delle richieste di Elliott per passare di mano il Milan.

I cattivi risultati del club di via Aldo Rossi potrebbero però dare paradossalmente un’accelerata all’operazione convincendo il fondo Usa ad abbassare le pretese a stringendo quindi la forbice tra domanda e offerta.

Certo è che in tutto questo ci sono due questioni di fondamentale importanza. La prima è lo stadio e tutto quello che ruoterà (o si vorrebbe far ruotare) attorno al nuovo impianto. Se arriverà questo benedetto via libera del Comune di Milano al progetto di Milan e Inter – una sorta di distretto dell’entertainment, dello sport e della moda, sul modello dello Staples Center di Los Angeles – Arnault si spingerà fino in fondo alla trattativa e chiuderà l’affare.

Altrimenti non se ne farà nulla. Sempre che, e questo è il secondo punto, si trovi anche un accordo sulla cifra, perché se i 1200 milioni di euro chiesti da Elliott sono considerati eccessivi (l’offerta non supererebbe i 950 miloni, stando al Sole 24 Ore), è indubbio che il i Singer non sono abituati ad uscire dai loro affari perdendoci e, di conseguenza, non possono vendere il Milan per meno di 700/800 milioni.

(Fonte Sportmediaset)

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home