Connect with us

home

Valerio Bertotto a MDC: “Udinese, manca un leader. Futuro? Allenare all’estero, in Italia è quasi impossibile”

In esclusiva ai microfoni di MDC l’ex capitano dell’Udinese Valerio Bertotto ora allenatore in attesa di una squadra che punti su di lui ha risposto a qualche nostra domanda su campionato in generale, sull’Udinese e non solo

Bertotto, un commento sul campionato in corso che andrà a riprendere questo weekend dopo la sosta per le Nazionali. Qual’è la squadra che possiamo definire come la sorpresa del campionato e quale invece come la delusione della stagione fino a questo momento?

“Il campionato per il momento sta dando le risposte un po’ attese per quanto riguarda la solita Juventus, pensavo che a inizio anno l’Inter potesse essere una rivale sicuramente agguerrita e fino a questo momento direi che il mio pronostico è stato rispettato e poi dietro c’è una bagarre che vede un po’ di squadre che possono intraprendere un percorso ampiamente positivo. 

Il Cagliari ad esempio  fino a questo momento è la squadra più rivelazione delle altre anche perchè l’Atalanta è ormai più di una rivelazione, è ormai diventata una conferma ma il Cagliari testimonia il fatto che con una programmazione seria e con una continuità di atteggiamento, mantenendo l’allenatore, cambiando in corsa qualche piccolo elemento che possa migliorare ulteriormente la rosa, quando c’è un progetto tecnico serio dietro i risultati arrivano.

Tra le squadre invece che hanno deluso finora sicuramente un po’ il Napoli e forse anche la Sampdoria perche’ stanno un po’ zoppicando.

La Samp ha cambiato allenatore nonostante avesse Eusebio Di Francesco che ritengo davvero un tecnico molto capace e preparato, nella sua esperienza romana direi che ha fatto benissimo, in particolare nel primo anno, sulle qualità di Eusebio non si può assolutamente discutere”

Se parliamo di Var, in molti ritengono che sia uno strumento utile  ma alla fine le polemiche non mancano mai. Le chiediamo una sua opinione in merito

Sono assolutamente a favore del Var però alcune volte ci sono delle decisioni che vengono prese senza rivedere certe situazioni che sembrano davvero lampanti e palesi, probabilmente una maggiore attenzione nel far sì che ogni tipo di dubbio venga fugato visto che c’è questa possibilità e un po’ più di oculatezza potrebbero risolvere ogni tipo di problematica”

Parlando dell’Udinese,  sta attraversando un periodo particolare considerato che al momento l’allenatore è Luca Gotti che in più di una circostanza ha dichiarato di non voler  allenare ma di voler continuare a ricoprire il ruolo di secondo o di collaboratore tecnico. Lei che conosce molto bene l’ambiente friulano cosa ne pensa?

“L’Udinese è una squadra che è partita così così, si è un po’ ripresa dopo il cambio del tecnico, è vero che Gotti ha fatto un bel lavoro fino adesso, conosce molto bene la realtà in cui si trova, conosce molto bene i ragazzi in quanto era già presente nella precedente gestione quindi è riuscito evidentemente a toccare quei tasti giusti per far si che i giocatori potessero comprendere gli atteggiamenti giusti da avere per portare a casa dei risultati e fino adesso ci è riuscito.

E’ vero che lui ha detto palesemente di non voler fare l’allenatore ma fino a questo momento si è messo a disposizione della società quindi evidentemente la situazione sia a livello societario che per quanto lo riguarda è una situazione fattibile.”

Il prossimo avversario dell’Udinese si chiama Sampdoria, che tipo di partita sarà e che tipo di avversario si troverà di fronte la squadra di Gotti?

“Contro la Samp non sarà facile perchè alla Sampdoria è arrivato un allenatore come Ranieri di grande capacità ed esperienza che aveva bisogno di quelle due-tre partite per sistemare alcuni concetti e fare qualche cambiamento.

La Samp è una buona squadra con elementi importanti che non meritano di stare nei bassifondi della classifica.”

Si può dire che all’Udinese manchi un leader?

“Probabilmente è così però è una carenza grave se fosse davvero così perchè poi alla fine nella capacità di poter trasmettere certi valori, nella autorevolezza di riuscire a gestire un gruppo all’interno dello spogliatoio, alcune figure di questo tipo che possono essere due o tre, ci devono essere e devono sapere interpretare i momenti per trasferire proprio ai ragazzi più giovani e a chi ha meno esperienza davvero un senso di appartenenza ad una maglia importante, ad una realtà importante come Udine e quindi in qualche modo che sia un leader tecnico, un leader morale o entrambe le cose qualcuno deve assumersi la responsabilità perchè in uno spogliatoio è assolutamente fondamentale.”

In questo periodo si torna a parlare di razzismo negli stadi, in questo momento in Italia a che punto siamo?

“Credo che sia un po’ un discorso generalizzato, non è che qua siamo peggiori di altri o che in giro per il mondo sia tutto rose e fiori, non è vero assolutamente.

E’ giusto guardare in casa propria, è giusto considerare che ci sono tantissime persone perbene ma è altrettanto vero che purtroppo nella realtà sportiva a tutti i livelli si cade nell’ignoranza più becera, additando magari anche dei ragazzini delle giovanili, delle società dilettantistiche con epiteti veramente indicibili, ma questo fa parte della cultura della persona, del senso civico.

La soluzione secondo me è molto semplice: questi elementi vanno individuati e messi fuori dagli stadi, fuori da ogni attività sportiva nazionale, serve un senso di repressione forte per agevolare un cambio di mentalità”

Valerio Bertotto allenatore è in attesa di una società che punti su di lui

“Sono allenatore professionista da anni, sto aspettando una squadra, vorrei andare all’estero anche perchè qui in Italia sembra quasi impossibile allenare…”

MASSIMO LIVA

Seguo con interesse l'Udinese e in generale tutto il calcio

Click to comment

Rispondi


I nostri partner…

Champions League

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



Le Dirette di Momenti di Calcio

La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home