Connect with us

angolo opinioni

Sabatini: “Io e Mihajlovic volevamo sfidare il mondo. Io sono morto due volte, Sinisa ce la farà”

Walter Sabatini sostiene fortemente il suo allenatore Sinisa Mihajlovic che, purtroppo, ha confessato di avere la leucemia e ai microfoni della Gazzetta dello Sport ha rilasciato alcune dichiarazioni anche sul suo passato difficile.

“Mihajlovic ha bisogno di un po’ di tempo. Lui, però, ce la farà, il più grande rammarico è che avremmo voluto sfidare il mondo sin da subito. Io non fumo da settembre, l’ho promesso a mio figlio. Mi ha detto che se torno a fumare se ne va di casa. Ha 14 anni e sarebbe troppo.

40 giorni di Coma? Ho fatto un patto con il diavolo, forse lo sono io stesso. I medici mi hanno detto che sono morto due volte. Io ho anche negoziato con Dio, mi sentivo pronto per il Paradiso, però non mi ha dato le chiavi.

Roma? Senza Totti e De Rossi è come avessero tolto il centro storico a Roma. Senza di loro è comunque possibile, i giocatori passano ma senza presidente è imperdonabile.

Squadra? La stiamo facendo bella. Se poi le integrazioni saranno fortunate, io non vedo il motivo per il quale il Bologna non dovrebbe fare un campionato ottimo. Io ho grandi speranze e resto nella mia bolla di gioia, sperando che la cosa di Sinisa sia veloce. Skov Olsen? Operazione, come altre, di Bigon e Di Vaio: io sono il fruitore finale. Sono arrivato in corsa, personalmente mandavo dei messaggi e loro mi dicevano che quei calciatori erano già stati… aggrediti. Un gran lavoro. Se Andreas l’amletico arriva è segnale di quel che qui si può fare.

Obiettivi? Abbiamo fatto cose importanti ma altre ne dobbiamo fare. Per il panico dell’amministratore delegato Fenucci che appena gli dico che bisogna spendere. Manca anche un vice-Dijks? Non si fanno squadre forti con i vice, ma anche lì. Dominguez in mezzo al campo? Lui ha una clausola attaccabile, ma ci sono altre opzioni. Perdere Pulgar? Non ho nessun timore e nemmeno abbiamo sentore. Santander? I cinesi hanno offerto 10 milioni: cifra non congrua. Adesso forse c’è qualche interesse in Inghilterra. Il sostituto sarà Gabbiadini? Sono un suo estimatore, vedremo. Sinisa sinceramente ci ha chiesto di non spendere sulla punta perché conta su Destro e per investirli sul centrocampista. Sono sorpreso di alcune reazioni di Mattia. Credo che non è stato mai così aperto intellettualmente, prima era spigoloso. Davanti al nome Sinisa ha pianto e vuol dire che Mihajlovic gli è entrato davvero dentro al cuore.

Tomiyasu sarà quello che ci stupirà di più perché può fare il terzo di destra o il quarto, oltre a essere centrale puro. Denswil esce bene con la palla, piede gentile e usa anche il destro. Lui si trova bene con Dijks perché hanno stessa estrazione nell’idioma e nel percorso. Se tutti i giocatori saranno in grado di dare un 20% in più di un campionato fa, la squadra sarà competitiva in ogni caso”.

Ideatore e Fondatore del Sito, appassionato di calcio e studente di Giurisprudenza

Click to comment

Rispondi


I nostri sponsor…

Champions League

Ti Consigliamo…








Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



Le Dirette di Momenti di Calcio


La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in angolo opinioni