Connect with us

home

Plusvalenze fittizie, la Guardia di Finanza tra Cesena e Chievo: 29 indagati per vari titoli di reato

La guardia di finanza di Forlì staeseguendo l’ordinanza che dispone una misura interdittiva di divieto di esercitare attività d’impresa nei confronti del principale indagato ed il sequestro preventivo di beni per il valore complessivo di circa 9 milioni di euro

L’attivita’ eseguita dal Gruppo di Cesena giunge nell’ambito delle indagini che hanno interessato la locale società di calcio che è stata dichiarata fallita nell’agosto del 2018.

Le indagini si sono svolte in merito a possibili condotte illecite connesse alla compravendita di giovani calciatori avvenute tra la societàfallita (già militante nel campionato di calcio di serie B) e il Chievo Verona.

L’ipotesi di reato è bancarotta fraudolenta, falso in bilancio e reati tributari di emissione ed utilizzo di fatture false.

Nello specifico è emerso che, negli anni dal 2014 al 2018, il Cesena Calcio ed il Chievo Verona hanno effettuato delle reciproche compravendite di calciatori minorenni che, in realtà, si verificavano solo cartolarmente (atteso che il giocatore non si trasferiva mai presso la nuova società in ragione della contestuale stipula del prestito) ed a valori del tutto sproporzionati.

I giovani atleti, infatti, oltre a non venir mai utilizzati dalla società acquirente venivano addirittura prestati a squadre dilettantistiche. Le false plusvalenze ricostruite nel periodo 2014-2018 ammontano a quasi 30 milioni di euro e costituivano l’escamotage per mantenere in vita una società che avrebbe dovuto richiedere l’accesso a procedure fallimentari da diversi anni e che continuava ad omettere con sistematicità il versamento delle imposte trasformando tale espediente straordinario nella normalità della gestione imprenditoriale.

Il debito accumulato con l’Erario ammontava a oltre 40 milioni di euro. Tali illecite operazioni sono state confermate da alcuni indagati nel corso di conversazioni telefoniche intercettate.

Il provvedimento emesso è volto al recupero di somme complessive pari a: 3,7 milioni di euro nei confronti del Chievo Verona e del suo attuale presidente; 5,3 milioni circa nei confronti del Cesena Calcio e società satellite, oltre che del suo ex presidente e di altri 2 indagati. In totale sono 29 le persone indagate nel procedimento penale.

(Fonte Sportmediaset)

Click to comment

Rispondi





I nostri sponsor…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

COVER GIRL SHOW

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

Collabora con noi

RSS Brevi Sport

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

Le Dirette di Momenti di Calcio

More in home