Connect with us

home

Lazio, l’arma in più per la corsa Champions è Marco Parolo

Il centrocampista di Gallarate, dopo l’esplosione della nuova Lazio “fantasia”, sembra aver perso posizioni nelle gerarchie di mister Inzaghi, ma può diventare un’ulteriore freccia nell’arco dei capitolini per un finale di stagione che si prospetta incandescente!

Le ultime prestazioni convincenti, a partire dal derby di ritorno di inizio marzo, hanno convinto addetti ai lavori e tifosi che la nuova Lazio, a trazione offensiva con molti fantasisti che agiscono tra le linee in grado di non dare punti di riferimento alle squadre avversarie, possa considerarsi non più semplicemente un esperimento, ma un nuovo sistema di gioco da proporre fin dal fischio di inizio. Ogni rivoluzione ha però un suo prezzo da pagare, e, nel caso in questione, questo porta il nome di Marco Parolo, reo semplicemente di prediligere alla fase offensiva (nella quale comunque non se la cava malissimo con tre gol e due assist in 23 presenze). Seppur non possa fare a meno dei suoi giovani talenti, Inzaghi lo sa, il nuovo centrocampo pecca di esperienza e nei momenti più delicati della stagione, nei quali servirà mantenere i nervi saldi, la lunga militanza di Marco sarà preziosa come un’oasi nel deserto.

Il “caso” derby– Il primo varo ufficiale della Lazio “fantasia” si ha nella stracittadina di ritorno datata qualche settimana fa. Le aquile giocano bene, vanno in vantaggio e gestiscono senza grandi affanni la flebile reazione giallorossa. Nella ripresa però, le cose cambiano e Strakosha viene impensierito più del dovuto. A questo punto Inzaghi richiama dalla panchina Parolo che rileva uno stanco Luis Alberto. Il numero sedici biancoazzurro si immedesima subito nel clima derby, interrompendo sul nascere qualche fraseggio romanista in mezzo al campo e permettendo ai suoi di tornare a prendere il controllo delle operazioni, portate a termine magistralmente con un secco tre a zero che rimarrà scolpito a lungo nella mente della parte biancoceleste del Tevere.

La capacità di parlare come un leader– Nelle cinque stagioni con l’aquila sul petto, Parolo si è conquistato a suon di buone prestazioni, condite da fatica e sudore, la fiducia della Curva Nord, la quale oramai lo osanna come un vero beniamino. I grandi giocatori, però, molto spesso, non si distinguono dagli altri semplicemente per i gesti tecnici che riescono a realizzare, ma anche e soprattutto per i loro atteggiamenti, idonei a fungere daesempi per i più giovani. Così Parolo, a precisa domanda circa le ultime panchine non ha voluto alzare inutili polveroni, cercando invece di mettere mister Inzaghi nelle migliori condizioni possibili, parlando da senatore e delegittimando possibili futuriatteggiamenti di altri componenti della rosa, in un finale di stagione che necessita di uno spogliatoio compatto e sereno in vista della ricerca dell’obiettivo comune. Queste le sue parole,rilasciate a margine dell’evento “Lazio nelle scuole”: «Panchina? Stare fuori fa parte del nostro mestiere. Significa sapere cosa si può dare alla squadra, sapere il proprio ruolo nel gruppo, essere in grado di gestirlo. Si può partire dall’inizio o subentrare a gara in corso. Se tutti ragioniamo così, la squadra può solamente trarne beneficio. In ogni grande annata, ho sempre reputato un fattore fondamentale l’apporto di chi entra a gara in corso, dando il 100%. E’ una novità per me, ma non ho problemi. Certo, come chiunque vorrei giocare sempre, ma noi dobbiamo rispettare le scelte del mister, è lui che deve guidarci verso l’obiettivo».

 

Carlo Peroni

 

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home