Udinese spenta e senza coraggio, a Napoli stesso copione?

Dopo il brutto ko in casa della Juventus, l’Udinese è attesa a Napoli da un impegno che si presenta come un altra missione impossibile. Bianconeri senza speranze contro la squadra di Ancelotti?

 

A Torino contro la Juventus una sconfitta è sempre da mettere in preventivo, la qualità di un avversario come la squadra di Allegri è conosciuta da tutti, ma l’Udinese ammirata (si fa per dire) venerdì scorso contro i campioni d’Italia ha deluso sotto tutti i punti di vista. Formazione spenta, priva di coraggio e voglia di osare quella schierata da Davide Nicola contro una Juve priva di alcuni titolari e con il pensiero rivolto alla decisiva sfida europea contro l’Atletico Madrid.

Una cosa è certa, se l’Udinese vuole raggiungere la salvezza senza particolari patemi o sofferenze dovrà mostrare un altro atteggiamento e un altra mentalità, vedere una squadra così passiva e senza personalità come quella vista a Torino fa male al cuore anche perchè i bianconeri friulani non avevano nulla da perdere, una prova gagliarda e di coraggio sarebbe stata doverosa, prova che si attendevano tutti i tifosi friulani.

Un vero peccato aver gettato all’aria un occasione di questo tipo per l’Udinese di Nicola, la prossima gara contro il Napoli al San Paolo e le diverse assenze non fanno dormire sonni tranquilli al tecnico bianconero, particolarmente criticato dopo la sconfitta contro la Juventus. Un po’ di coraggio in più sarebbe stato sufficiente magari per fornire una prestazione almeno dignitosa nonostante qualche assenza di troppo in particolare a centrocampo. Perchè non provare qualcosa di diverso a livello tattico in una gara in cui non si ha niente da perdere e tutto da guadagnare? Perchè scegliere di buttare nella mischia un giocatore come Wilmot che non aveva mai giocato neanche un minuto in serie A schierandolo proprio a Torino contro la capolista? Difficile dare una risposta, ciò che è certo è che l’Udinese contro la Juventus è mancata in tutto, preoccupa la mancanza di coraggio mostrata da squadra e tecnico che propone sempre lo stesso modulo tattico di carattere prevalentemente difensivo.

Contro il Napoli domenica l’Udinese deve ritrovare il rispetto per sé stessa dopo la figuraccia rimediata a Torino, troppo brutta per essere vera la formazione vista all’opera venerdì sera, certe figure non possono essere tollerate, se contro la squadra di Ancelotti la prestazione dei bianconeri dovesse essere sulla stessa lunghezza d’onda di quella di Torino c’è il serio rischio di rimediare un altra pessima figura che inciderebbe molto su classifica e morale.

L’Udinese ha il dovere di andare oltre l’emergenza, le assenze non devono rappresentare un alibi, contro la squadra di Ancelotti una reazione da parte dei bianconeri friulani è d’obbligo, poi se arriverà la sconfitta non è un dramma, ci sarà tempo e modo per ottenere punti importanti e decisivi in chiave salvezza contro avversari più alla portata, ma quella che si vuole vedere a Napoli è la prestazione.

La squadra di Ancelotti è ormai concentrata sull’Europa League, in campionato il divario dalla Juventus è ormai incolmabile, ma il Napoli resta avversario molto pericoloso e temibile in tutti i reparti, serviranno personalità e la giusta dose di coraggio per evitare un altra fastidiosa figuraccia ai bianconeri friulani che non sarebbe ben accolta da tutto l’ambiente.

MASSIMO LIVA

Rispondi