Juventus, ecco perché stavolta Allegri può davvero andare via

Max Allegri questa volta può davvero lasciare la panchina bianconera.

Secondo quanto scrive il Corriere della Sera, la frattura con una parte del popolo juventino è sempre esistita ma stavolta non sembra sanabile nemmeno in caso di un passaggio del turno: è evidente che se Allegri lascerà la Juve, non sarà per una frangia di tifosi contro di lui o per gli insulti social.

Ma l’equazione, scrive sempre il Corsera, «se non si vince la Champions con Ronaldo è un fallimento» rischia di logorare il rapporto perché anche arrivare allo scontro diretto col Napoli di domenica con 13 punti di vantaggio ormai è dato per scontato.

E Allegri di questa situazione si è stancato.

In questo contesto, il fatto che la gestione di Santiago Solari a Madrid non abbia portato i risultati sperati (anche se i blancos sono ancora in corsa in Europa) è da tenere in considerazione: Allegri ha detto «no» al Real a giugno, per la parola data alla Juve, per «motivi personali» e perché non era il momento giusto.

Adesso, di fronte a uno spogliatoio che ha rigettato le ipotesi Mourinho e Conte, il nome di Max è in cima alla lista di Perez.

Ma anche del suo ex amministratore delegato Marotta: Allegri non è il tipo di allenatore che rifiuterebbe l’Inter perché reduce da cinque anni di Juve.

Più sullo sfondo l’ipotesi Chelsea, dove i tecnici italiani piacciono sempre molto: con il possibile blocco di mercato e senza la certezza di disputare la Champions, non c’è la fila per prendere il posto di Sarri, se divorzierà dai Blues.

Quel che è certo è che Allegri crede nella rimonta contro l’Atletico. Adesso non ha più bisogno di twitter per comunicare la sua voglia di rivincita. E nemmeno altre decisioni.

(Fonte Corriere della Sera)

Rispondi