Stasera Fiorentina-Atalanta: probabili formazioni e dove vederla in Tv

Saranno oltre 32 mila i tifosi viola che assisteranno stasera alla semifinale d’andata di Coppa Italia tra Fiorentina e Atalanta.

Una semifinale arrivata in maniera sorprendente per entrambe le compagini: la squadra di Pioli ha battuto la Roma, mentre i bergamaschi hanno avuto la meglio sui campioni in carica della Juventus.

Nelle ultime quattro partite giocate in casa dai gigliati contro la Dea sono arrivate altrettante vittorie; uno score che lascia ben sperare i tifosi per l’importantissima partita di stasera.

Ieri, intanto, sono stati oltre tremila i tifosi che hanno aderito all’iniziativa porte aperte e hanno assistito alla rifinitura sul campo della squadra.

Fiorentina-Atalanta è in programma alle ore 21 allo Stadio Artemio Franchi di Firenze e sarà visibile in esclusiva in diretta su Rai 1. Inoltre sarà disponibile in streaming sulla piattaforma RaiPlay.

Pioli dovrà fare a meno di capitan Pezzella in difesa e di Mirallas. Nel tridente d’attacco dovrebbe tornare titolare, rispetto alla partita di campionato contro l’Inter, Muriel, con Simeone che, almeno in partenza, dovrebbe accomodarsi in panchina. Ai fianchi del colombiano dovrebbero agire Chiesa a destra e Gerson sull’altro lato del campo. In difesa dovrebbe rivedersi Milenkovic, con Laurini, Vitor Hugo e Biraghi che completeranno il reparto.

Gasperini dovrebbe confermare il solito 3-4-1-2, anche se dovrà fare a meno degli squalificati Djimsiti e Freuler e degli infortunati Vernier e Gosens. Pasalic dovrebbe dunque arretrare il proprio raggio d’azione e posizionarsi in cabina di regia insieme a De Roon; spazio sulla trequarti al Papu Gomez, che agirà alle spalle di Ilicic e Zapata.

FIORENTINA (4-3-3): Lafont; Laurini, Milenkovic, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi, Edmilson, Veretout; Chiesa, Muriel, Gerson. ALLENATORE: Pioli.

ATALANTA (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Palomino, Mancini; Hateboer, De Roon, Pasalic, Castagne; Gomez; Ilicic, Zapata. ALLENATORE: Gasperini.

ARBITRO: Giacomelli di Trieste

(Fonte Corriere dello Sport)

Rispondi