L’Empoli ridimensiona il Sassuolo. Finisce 3-0

L’Empoli in scioltezza sul Sassuolo: al Castellani finisce 3-0. A segno Kurtic, Acquah e Farias

Prima gioia del 2019 per l’Empoli di Giuseppe Iachini: al Castellani gli azzurri demoliscono il Sassuolo, travolto col risultato di 3-0 e mai davvero in partita. Gara già decisa all’intervallo, quando le squadre rientrano negli spogliatoi sul 2-0: in tre minuti, prima Krunic e poi Acquah, avevano regalato il doppio vantaggio e un colpo da KO micidiale. Due legni nel primo tempo, uno per parte: lo stesso Krunic per l’Empoli e Sensi per il Sassuolo. A nulla valgono i tentativi di De Zerbi, che alla ripresa del gioco manda in campo Berardi, non al meglio della forma: la riscossa del 25 inizia e finisce con un tiro rasoterra da fuori che non mette in difficoltà Dragowski. Impegnato, invece, da Locatelli al 75′. Nel frattempo, però, è arrivato il 3-0 di Diego Farias, alla prima marcatura con la maglia dell’Empoli e migliore in campo. Boccata d’ossigeno per i padroni di casa, che si portano a un punto dalla SPAL e staccano momentaneamente il Bologna, impegnato domani contro la Roma. Il Sassuolo esce ridimensionato dal Castellani: parlare di Europa non ha portato benissimo ai neroverdi, che fuori casa non vincono dal 16 dicembre contro il Frosinone.

IACHINI CON DRAGOWSKI. BBB ALTERNATIVA PER DE ZERBI –

Iachini sceglie Bartlomiej Dragowski: è il giovane portiere, arrivato dalla Fiorentina nel mercato invernale, la novità di formazione dei toscani. Rispetto alla sconfitta dell’Olimpico contro la Lazio, preferito Acquah a Traoré in mediana. Confermata la coppia Caputo-Farias in attacco. Attacco a sorpresa per De Zerbi, che ne cambia due su tre rispetto al 3-0 subito dalla Juventus nell’ultima giornata. In panchina vanno sia Berardi che Matri: con Babacar ci sono Brignola e Boga. A centrocampo torna Duncan, assente per squalifica contro i bianconeri.

PARTE BENE L’EMPOLI –

Avvio molto cauto del Sassuolo, che studia l’avversario. Molto propositivo, invece, l’Empoli, con il protagonista di sempre: Caputo dopo 10 minuti impegna Consigli, che risponde presente. Lo stesso portiere neroverde anticipa il bomber altamurano al 17′ su cross teso di Pasqual dalla sinistra. Al 22′ è Krunic a far vibrare la porta: gran botta da fuori, Consigli battuto, palla che si stampa sul sette alla sinistra dell’estremo difensore.

UNO-DUE TOSCANO –

Tanto Empoli, poco Sassuolo e scavallata la mezz’ora si vede. Gli ospiti si fanno vedere soltanto con qualche accelerazione di Boga, mai davvero pericoloso. Al 34′ Krunic decide di saldare il conto con la fortuna: discesa palla al piede dal centrocampo, Farias scatta e gli toglie due uomini, il bosniaco classe ’93 può infilarsi nella difesa avversaria come un coltello nel burro. A tu per tu con Consigli, sceglie il tocco sotto: pallonetto morbido e nulla da fare per il portiere. 1-0 Empoli. Subito replicato: due minuti dopo Di Lorenzo serve la sovrapposizione di un buon Farias, che da destra scarica al centro. Irrompe Acquah: piattone destro e Consigli ancora battuto. 2-0 fulmineo dell’Empoli, ampiamente legittimato da quanto fatto vedere finora.

SQUILLO SASSUOLO –

Incassato il doppio svantaggio, il Sassuolo si sveglia. O almeno, si fa vedere dalle parti del fin qui inoperoso Dragowski, zero parate nel primo tempo. Combinazione tra Sensi e Babacar, il centrocampista colpisce con violenza un tiro rasoterra che sibila alla sinistra del portiere polacco scuola Fiorentina. Salvato dal palo: la sfera impatta sul legno e rimbalza via. Nulla da fare per De Zerbi, che almeno torna negli spogliatoi con un segnale positivo in ottica secondo tempo. Ma pur sempre con due gol al passivo.

DOPPIO CAMBIO SASOL –

Al rientro in campo, il tecnico del Sassuolo prova a smuovere le acque. Giocandosi, soprattutto, la carta Berardi: l’attaccante calabrese entra al posto di Brignola, assieme a Bourabia che rileva Duncan. Quantomeno, Berardi si fa vivo dalle parti di Dragowski: a inizio ripresa prima vera parata del portiere polacco, presa bassa comunque comodo su rasoterra da fuori del 25 neroverde.

CONTROLLO E CONTROPIEDE –

Il copione del match è ben delineato. L’Empoli s’arrocca a difesa dei suoi gol, il Sassuolo fatica a costruire qualcosa che assomigli a un’azione da gol. La tattica di Iachini, comunque, funziona: all’ora di gioco Farias scappa in contropiede, salta mezzo Sassuolo, dribbla Peluso con una magia e poi di punta anticipa Consigli in uscita. È 3-0 per i toscani, a dir poco in controllo della partita. C’è spazio anche per La Gumina, al rientro dall’infortunio, con Farias che si prende la standing ovation del Castellani.

FINALE D’ANTAN –

Finale di partita vintage: De Zerbi prova a scuotere i suoi con Matri al posto di Babacar, Iachini risponde concedendo un quarto d’ora a Matteo Brighi, 38 anni e gara numero 399 in Serie A. Cambi che non cambiano molto: l’unica emozione è il volo di Dragowski su botta da fuori di Locatelli. Per il resto, il Sassuolo tiene palla in modo sterile, senza mai affondare davvero un colpo che non modificherebbe l’esito di una domenica storta. L’Empoli trova così la prima vittoria nel suo 2019, stacca momentaneamente il Bologna e al momento si porta fuori dalla zona rossa della classifica. Gli emiliani escono ridimensionati dalla trasferta toscana.

Il tabellino –

EMPOLI-SASSUOLO 3-0

(34′ Krunic, 37′ Acquah, 60′ Farias)

Ammoniti: 71′ Pasqual nell’Empoli. 57′ Sensi, 65′ Berardi, 83′ Rogerio nel Sassuolo.

Empoli (3-5-2): Dragowski; Veseli, Silvestre, Dell’Orco; Di Lorenzo, Krunic (dall’88’ Uçan), Bennacer, Acquah (dal 78′ Brighi), Pasqual; Farias (dal 67′ La Gumina), Caputo. Allenatore: Giuseppe Iachini.

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio; Duncan (dal 46′ Bourabia), Sensi, Locatelli; Brignola (dal 46′ Berardi), Babacar (dal 76′ Matri), Boga. Allenatore: Roberto De Zerbi.

Rispondi