La Spal non ci sta: il Presidente Mattioli accusa Chiesa di essere un tuffatore ma…parlare a caldo non è mai un bene!

Walter Mattioli, presidente della Spal, ha parlato così dopo la sconfitta contro i viola, in zona mista: “Queste cose sono inaccettabili, va bene il var ma fatto a questa maniera è una roba incredibile.

La nostra società non può essere trattata così. Noi non protestiamo mai ma dopo certi episodi ti senti che ti abbiano rubato sotto gli occhi.

Oggi comunque sconfitta immeritata. Ho guardato l’episodio attentamente, se devi fermare un azione da gol per un fallo del genere mi scappa da ridere. Chiesa possiede la dote di inventare falli di rigore, è una persona poco seria. Non era un netto fallo di rigore. I viola ci hanno messo in difficoltà fin da subito, ma oggi non meritavamo questo trattamento”.

Pronta la replica del club manager della Fiorentina Giancarlo Antognoni che ha parlato a Sky Sport per rispondere alle parole del presidente della SPAL Walter Mattioli: “Non accettiamo queste critiche nei confronti di un ragazzo di ventidue anni quasi imprendibile. Se non si riesce a prenderlo e si fa fallo è rigore: dispiace sia successo tutto questo, ma se abbiamo il VAR deve essere valutato. Però sul fatto di Federico accusato di essere un tuffatore dal presidente della SPAL non va bene.

Averlo definito “poco onesto” è grave, certi falli possono non sembrare tali ma ci sono. Io non mi permetterei mai di accusare un giocatore avversario. Il presidente della SPAL parli dei suoi.

La fascia di capitano? Chiesa si è responsabilizzato ancora di più e ha aiutato la squadra a vincere. Da parte della SPAL ci deve essere un rammarico dopo certe dichiarazioni. Che vuol dire essere capitano? Rappresenta la squadra, la città e i tifosi. Oggi credo che Federico si sia dato molto da fare.

Anche perchè se pur discutibile il ritardo della chiamata Var il fallo su Chiesa era sacrosanto come dimostrano inconfutabilmente le immagini televisive e la foto che vi mostriamo.

(Fonte SkySport)

Rispondi