Genoa, vittoria in rimonta contro la Lazio, decide Criscito

Mimmo Criscito fa impazzire Marassi. Il capitano regala al Genoa tre punti importantissimi con una conclusione straordinaria dalla distanza. La squadra di Prandelli vince un match complicatissimo all’ultimo respiro, rimontando la Lazio che era passata in vantaggio con Badelj. Prima il pareggio di Sanabria, poi la prodezza del terzino fanno volare il Grifone, fortunato per la traversa colpita dal croato sul punteggio di 0-1.

IMMOBILE C’È, PRANDELLI SI AFFIDA AI NUOVI – Dopo la sconfitta interna subita in Europa League contro il Siviglia, la Lazio si rituffa nel campionato. Tante assenze per i capitolini, che però ritrovano Ciro Immobile dal primo minuto. Solito 4-3-3 per Prandelli, con il tridente formato da Lazovic, Sanabria e Kouamé davanti.

STRAKOSHA SALVA, BADELJ PUNISCE – Grande equilibrio nella prima mezzora, tra due squadre che dimostrano di voler vincere la partita. Le occasioni, però, latitano: ci prova solo l’ex Romulo con un tiro dalla distanza, senza impensierire Radu. Il match si ravviva improvvisamente per merito del Genoa, che nell’arco di cinque minuti costruisce diverse palle gol, tutte sventate da Strakosha, bravissimo soprattutto su Rolon e Sanabria. Quando lo 0-0 all’intervallo sembra inevitabile, Milan Badelj inventa la giocata che sblocca l’incontro: slalom sulla trequarti, duetto con Immobile e conclusione precisa nell’angolino destro. Primo gol stagionale per il croato, che si scrolla di dosso il periodo negativo.

PRODEZZA RADU – Prandelli cambia subito e inserisce Bessa al posto dello spento Lazovic. Ma è la Lazio ad avere subito l’occasione per raddoppiare: Immobile serve Correa al limite, il piazzato del Tucu è sventato miracolosamente da Radu. È l’ultima giocata di Ciro, sostituito da Caicedo nonostante avesse chiesto di restare in campo. Nel Grifone, invece, entra l’ex Pandev.

BADELJ A UN PASSO DALLA DOPPIETTA – I rossoblu non riescono a rendersi pericolosi, così gli ospiti provano a chiudere la contesa. Badelj – ancora lui – cerca il jolly dalla distanza: destro meraviglioso in difficile coordinazione, clamorosa traversa a negare la seconda gioia personale al regista. Un episodio che sarà decisivo nell’economia della sfida.

FORTUNA E CUORE – I ragazzi di Inzaghi sembrano in totale controllo ma il Genoa trova energie insperate negli ultimi 20 minuti. E i liguri pareggiano al 75′, grazie al solito Toni Sanabria: l’erede di Piatek si avventa su un pallone vagante in area e viene colpito fortuitamente dal rinvio di Lucas Leiva, battendo così Strakosha. Il gol del pareggio scatena il pubblico di Marassi, che diventa una bolgia e prova a spingere i propri beniamini. La Lazio, decimata dalle assenze e in debito di ossigeno, capitola al 93′: Criscito fa impazzire i tifosi con una bordata incredibile. Finisce 2-1, il Genoa si allontana dalla zona calda, mentre Acerbi e soci perdono terreno sul Milan nella corsa alla Champions.

Rispondi