Serie C, quel pasticciaccio brutto del Matera che verrà escluso dal torneo: il regolamento dice una cosa, la sportività un’altra…

Che la Serie C sia quest’anno un assurdità è sotto gli occhi di tutti soprattutto i tifosi di tutte quelle squadre che vi partecipano.

Ma dopo tutte le storie di ricorsi, penalizzazioni che non stiamo neanche più a raccontare, la tragedia (sportiva ovviamente) non è ancora finita.

Si, perché il caso Matera è tutt’altro che di facile decifrazione.

Il Matera a breve, infatti, verrà escluso dal campionato di serie C con conseguenze ovvie sulla classifica del Girone C.

In casi analoghi, e come abbiamo già più volte scritto, si dovrebbero applicare le Norme Organizzative Interne della FIGC nel capitolo riguardante l’esclusione di una squadra a campionato in corso.

Poiché il Matera ha disputato il girone d’andata del campionato e verrà escluso durante il girone di ritorno, in base al regolamento dovrebbero essere annullati tutti gli incontri disputati e da disputare dai lucani appunto nel girone di ritorno mentre le gare disputate nel girone d’andata dovrebbero essere valide.

E qui nasce il problema.

Il girone d’andata, per via di diversi rinvii di gare (ad esempio quelle della Viterbese che ha iniziato in ritardo) in realtà non si è concluso ma il Matera, però, le sue partite le ha giocate.

Ricordiamo che i bianco celesti non avevano diritto a partecipare a questo torneo perché la loro iscrizione era viziata da una fidejussione nulla segnalata prima ancora dell’inizio del torneo dal Racing Fondi che aveva presentato ricorso per chiedere l’esclusione del Matera Calcio, in quanto, secondo il club laziale, non doveva essere iscritto a seguito dei mancati pagamenti degli stipendi di giugno.

Ciò nonostante – e chissà poi perché- il Matera ha potuto giocare la competizione.

Potuto giocare per modo di dire perché in realtà i lucani, andati in difficoltà economica sin da subito, hanno onorato sul campo il loro impegno fino alla gara del 16 dicembre 2018 contro il Catanzaro terminata 1-1 per poi continuare a giocare o con la formazione Berretti o con i ragazzini imbarcando una valanga di reti.

E a ch da qui nasce un altro problema: siccome il regolamento del torneo prevede il posizionamento in classifica migliore in base alla differenza reti, non vi è dubbio che ci sarebbe sproporzione tra chi ha vinto facile 6-0 e chi invece si vede assegnata la vittoria a tavolino 3-0.

La sportività, quindi, si scontrerebbe col regolamento e dovrebbe prevalere perché, a nostro avviso, per garantire ” la par condicio” al torneo si dovrebbero annullare tutte le partite giocate del Matera sia all’andata che al ritorno.

Sarà così? Mah…

Rispondi