Rugby, torna il 6 Nazioni: l’Italia sfida la Scozia

Torna il Sei Nazioni e per l’Italia ricomincia con una trasferta subito insidiosa, quella contro una Scozia in grande crescita e attualmente al settimo posto del ranking mondiale.

Ma la buona notizia per gli Azzurri è quella del rientro dal primo minuto di capitan Sergio Parisse, che non gioca con la Nazionale dallo scorso Sei Nazioni e ha saltato i test internazionali di novembre a causa di un infortunio a un polpaccio: per il numero otto dello Stade Francais si tratterà inoltre di una presenza record, la 66^ nel torneo, che lo farà diventare in assoluto il giocatore col maggior numero di caps, uno in più del leggendario centro irlandese O’Driscoll. 

Traguardo di prestigio anche per un altro veterano azzurro, il tallonatore e vice-capitano della Nazionale Leonardo Ghiraldini che scenderà per primo sul prato dello storico stadio scozzese per celebrare la  presenza internazionale numero 100, ottavo atleta italiano a riuscirci.

Per il debutto nell’anno della rassegna iridata O’Shea lancia il ventiseiesimo debuttante della propria gestione: David Sisi, 25enne seconda linea delle Zebre Rugby Club, sarà infatti il 685esimo debuttante nella storia dell’Italrugby.

Confermata in massima parte l’ossatura della Nazionale vista nei Cattolica Test Match di novembre, con i piloni Ferrari e Lovotti a completare la prima linea con Ghiraldini, Budd in seconda linea insieme al debuttante Sisi, i due flanker Steyn e Negri a far reparto con capitan Parisse e la mediana Tebaldi-Allan a scandire il ritmo di gioco.

Due rientri importanti nella linea arretrata, con Morisi schierato a secondo centro dal primo minuto in coppia con Castello e Angelo Esposito che torna all’ala dopo un lungo stop per infortunio: a completare il triangolo allargato insieme all’ala partenopea della Benetton Rugby Michele Campagnaro e, come estremo, Jayden Hayward.

Cinque avanti, due mediani ed un utility back in panchina, dove O’Shea sceglie le prime linee Bigi, Traorè e Pasquali, Ruzza in seconda linea e Tuivaiti in terza, la mediana alternativa PalazzaniMcKinley e Padovani per coprire più di un ruolo della linea arretrata.

Il primo turno del Sei Nazioni, dove la maglia azzurra presenta per la prima volta il logo Cattolica Assicurazioni, segna la trentesima sfida tra Azzurri e highlanders, con un bilancio di 8 vittorie italiane e ventuno scozzesi: due i successi italiani a Murrayfield, nel Sei Nazioni 2007 e nel Sei Nazioni 2015.

(Fonte SkySport)

Rispondi