La moviola, disastri a Verona con un rigore non dato e uno regalato ai veneti, c’era il rosso per Politano, dubbi per un mani in area del laziale Wallace

Esaminiamo gli episodi da moviola con il consueto punto della Gazzetta dello Sport.

LAZIOJUVENTUS Guida di Torre Annunziata

Al 36’ controllo scomposto nella sua area di Wallace, che in scivolata intercetta il pallone prima con la gamba e poi con il braccio molto largo.

Un gesto che in gergo si definisce “negligente”. Guida valuta la chiara involontarietà ma non l’eventuale colposità: resta più di qualche dubbio (del resto per episodi simili in più di un’occasione si è ricorso alla review).

Al 30’ pareggio della Juventus: azione sulla sinistra di Bernardeschi che mette la palla in area per il tiro di Dybala respinto da Strakosha proprio sui piedi di Cancelo. Nell’occasione qualche dubbio su una posizione di fuorigioco di Ronaldo, che comunque non interferisce. Al 42’ non sfugge a Guida la trattenuta di Lulic su Cancelo prima ancora che arrivi in area il tiro cross di Bernardeschi (in posizione regolare).

Giusto assegnare il rigore, poteva starci anche l’ammonizione di Lulic.

TORINOINTER Maresca di Napoli

È il 40’ quando Politano cade a terra sulla pressione di Ola Aina nei pressi dell’area del Toro. Il granata sembra dargli una lieve spinta, l’interista sembra non aspettare altro. Maresca lascia correre e alla parolina di troppo di Politano (“Sei scarso”, gli avrebbe detto) estrae subito il rosso.

ATALANTAROMA Calvarese di Teramo

Il miglior arbitro della stagione salvato dal peggiore (Di Bello), che dalla cabina Var al 23’ del secondo tempo gli segnala che Kolarov ha agganciato Ilicic, il quale aveva tratto in inganno il direttore di gara con una caduta plateale, liquidata come simulazione. Errore grave.

BOLOGNAFROSINONE Banti di Livorno

L’episodio che indirizza la gara è l’espulsione di Mattiello al 14’ del primo tempo: il terzino si allunga il pallone e nel tentativo di recuperarlo entra col piede a martello su Cassata. Per i bolognesi il rosso è scandaloso, per noi invece è una scelta coraggiosa, perché è un intervento che mette a repentaglio l’incolumità dell’avversario. Resta un dubbio: perché Banti sulle prime estrae il rosso a Cassata?

CHIEVOFIORENTINA Chiffi di Padova

Al 14’ del primo tempo Lafont sbaglia il disimpegno e regala palla a Giaccherini che realizza senza problemi l’1-0 del Chievo.

Ma il Var Serra (Can B) gli segnala che probabilmente Pellissier era in area (piede sulla linea) quando Vitor Hugo ha ricevuto dal portiere. Segnalazione molto pignola (c’è un precedente in stagione, rete annullata alla Juve alla 13a), ma corretta a norma di regolamento.

Al 26’, però, il Var non dà lo stesso suggerimento per l’entrata di Pezzella su Pellissier. In questo caso Serra avalla la scelta di Chiffi, sbagliando. Convince poco anche il rigore concesso al Chievo al 38’ della ripresa per il mani di Gerson: il braccio è attaccato al corpo.

PARMASPAL Abisso di Palermo

C’è il rigore assegnato al Parma al 10’ per l’entrata di Simic su Inglese, giusto annullare la rete dello stesso Inglese (sarebbe stato il 2-0) per fuorigioco.

Rispondi