Copa America 2019, sorteggiati i gironi: ok il Brasile

Sono stati sorteggiati a Rio de Janeiro i gruppi della prossima Copa America, che si disputerà in Brasile a partire dal 14 giugno 2019: è andata tutto sommato bene ai padroni di casa, mentre i rivali argentini sono finiti in un girone più impegnativo.

Sono 3 in tutto i gruppi in cui sono state divise le 12 nazionali partecipanti, tra le quali figurano anche Giappone (alla seconda partecipazione dopo il 1999) e Qatar (al debutto assoluto) come invitate speciali. Tutte a caccia di quel titolo che nelle ultime due edizioni è andato al Cile.

Il Brasile, testa di serie assieme ad Argentina e Uruguay, è stato inserito nel Gruppo A con Perù, Bolivia e Venezuela.

Sorteggio dunque benevolo per la Seleçao, mentre l’Argentina se la vedrà con Colombia, Paraguay e Qatar.

Nel gruppo C, invece, Uruguay, Ecuador, Cile e Giappone, con la Celeste, primatista nell’albo d’oro con 15 successi, che cerca il rilancio visto che dopo la vittoria del 2011 non è più riuscita a raggiungere nemmeno la semifinale.

La Copa America 2019 comincerà il 14 giugno con il match inaugurale tra Brasile e Bolivia e finirà il 7 luglio, quando si giocherà la finale in programma al Maracana, uno dei sei stadi in cui si disputerà il torneo.

Il “fattore casa”, però, non è stato particolarmente determinante nelle ultime edizioni se si considera che negli ultimi 24 anni solo Uruguay (1995) e Cile (2015) hanno ospitato e vinto la manifestazione.

Questa del 2019 sarà l’ultima edizione che verrà disputata in anni dispari. Dalla successiva, infatti, il torneo verrà organizzato a cadenza quadriennale in concomitanza con gli Europei.

La formula, come detto, prevede tre gironi da 4 squadre: ai quarti di finale passeranno le prime due di ogni girone più le due migliori terze, stabilite secondo il criterio della classifica avulsa. L’idea originaria, presto tramontata, era quella di portare a 16 il numero di partecipanti (per motivi prettamente economici), con l’inclusione di 4 squadre europee, tanto che si era persino vociferato di una possibile partecipazione dell’Italia.

Come tradizione, invece, saranno 10 le squadre sudamericane, alle quali dal 1993 vanno ad aggiungersi due invitate speciali, rappresentative di Paesi non affiliati alla Conmebol (solitamente squadre del nord e centro America). In passato, ospite fisso è stato il Messico, ma hanno partecipato a diverse edizioni anche Costarica (4 volte) e Stati Uniti (3). Il 2001 vide la partecipazione dell’Honduras mentre nel 1999 fu invitata per la prima volta nella storia del torneo una nazionale asiatica, il Giappone. Nel 2015 fu invece la volta della Giamaica.

Questa volta, vista l’impossibilità di avere le rappresentanti della Concacaf, a loro volta impegnate nella Gold Cup, per completare il tabellone sono state invitate Giappone e Qatar, accolte così con un comunicato della Conmebol: “Diamo il bentornato al Giappone, a cui siamo legati da profonda amicizia, e il benvenuto al Qatar, che ospiterà i Mondiali del 2022”.

(Fonte SkySport)

Rispondi