Roma, per Monchi tesoretto insperato dalla cessione di Sanabria

Tesoretto insperato per la Roma: nell’accordo di cessione di Sanabria al Betis Siviglia siglato nel 2016 c’era una postilla che ora potrebbe far sorridere Monchi e aprire scenari insperati di mercato.

“In caso di futuro trasferimento del calciatore – si legge nella nota del club – il club spagnolo riconoscerà all’AS Roma un importo pari al 50% del valore del corrispettivo».

L’attaccante paraguaiano è diventato il primo obiettivo del Genoa ma non finisce qui perché l’Atalanta chiede Defrel.

In questo caso il discorso è leggermente più complicato, perché se è vero che il francese spinge per andare via, la Sampdoria (che detiene il diritto di riscatto a 13 milioni) potrebbe cedere Caprari al Sassuolo, bloccando così l’operazione.

Sono quindi giorni di attesa per Monchi che intanto lavora sia sul prolungamento di Riccardi che su quello di Zaniolo.

Qualora la Roma incassasse immediatamente parte dei soldi dalla cessione di Sanabria (dipende dalla formula dell’operazione: se si muove in prestito, le entrate sono rimandate), avrebbe poi margine per muoversi su Mancini.

A Trigoria conoscono la volontà dell’Atalanta che non disdegnerebbe chiudere l’operazione già a gennaio.

(Fonte Il Messaggero)

 

Rispondi