La moviola delle partite del sabato: dubbi sul contatto Olsen-Belotti, non c’è rigore su Politano

Riparte la moviola del campionato.

Bene Pairetto di Torino: in Inter-Sassuolo giusto non concedere il penalty al contatto tra Magnani e Politano. In Roma-Sassuolo Giacomelli deve gestire due episodi dubbi, mentre in Udinese-Parma Mazzoleni aveva preso un abbaglio sul contatto Gervinho-De Paul, fortuna che il Var lo ha ragguagliato.

Vediamo gli episodi dubbi con il commento della Gazzetta dello Sport.

INTERSASSUOLO — Arbitro Pairetto di Torino – Al 26’ Perisic tira a lato da distanza ravvicinata ma è in fuorigioco di pochi centimetri: bravo l’assistente De Meo. Al 32’ Pairetto interrompe una promettente azione d’attacco dell’Inter per ammonire Sensi, autore di un intervento falloso su Brozovic: errore, doveva concedere il vantaggio. Al 34’ contatto in area tra Magnani e Politano, Pairetto lascia correre, il centrale del Sassuolo è intervenuto sul pallone. Al 5’ della ripresa giusto il giallo a Brozovic che mette giù Rogerio, il quale viene ammonito un minuto dopo per una trattenuta a Politano. Al 16’ Pairetto ferma Djuricic che si stava involando nella metà campo dell’Inter: anche qui doveva concedere il vantaggio. Nel finale, silent check per confermare che l’intervento di Locatelli su D’ambrosio non merita il rigore.

ROMATORINOGiacomelli di Trieste – Un rigore reclamato per parte, in entrambi i casi Giacomelli lascia correre. Al 22’ della ripresa, cross dalla destra, torre di Dzeko, Lyanco intercetta il pallone con il braccio sinistro molto largo, il direttore di gara non interviene e conferma la decisione dopo un silent check del Var Irrati. Scelta condivisibile, il difensore granata muove il braccio verso il pallone ma sembra toccare tra petto e spalla. Al 31’ protesta il Torino per un contatto tra Belotti e Olsen: l’attaccante granata subisce una lieve spinta da Fazio ed entra in collisione con il portiere della Roma, che sembra arrivare sul pallone un istante prima di lui. Anche qui Giacomelli lascia correre: ci sta, ma una review avrebbe fugato i dubbi.

UDINESEPARMA — Mazzoleni di Bergamo – All’8’ slalom di Gervinho che entra in area di rigore e finisce a terra dopo un contatto con De Paul: Mazzoleni non è distante e fa ampi cenni di proseguire il gioco. Ma De Paul ha agganciato il piede dell’ivoriano e il Var Aureliano arriva in soccorso del direttore di gara, suggerendogli la review dell’episodio: non c’è discussione, è calcio di rigore per il Parma. Mazzoleni aveva preso un abbaglio. Al 47’ cross di De Paul dalla sinistra, Iacoponi devia in angolo: reclama un fallo di mano l’Udinese, ma è tutto regolare, il laterale del Parma colpisce il pallone con il petto, giusto in questo caso lasciar correre. Nella ripresa, al 23’ Gervinho realizza il 2-1 al termine di una cavalcata in cui resiste pure al tentativo di fallo di Fofana. Mazzoleni giustamente ammonisce D’Alessandro per un fallo commesso su Stulac all’inizio dell’azione.

(Fonte La Gazzetta dello Sport)

Rispondi