Australian Open, ok Seppi, Fabbiano e Travaglia, ko Berrettini

L’altoatesino piega in quattro set Johnson, il pugliese supera Kubler mentre il marchigiano stende Andreozzi. Niente da fare per il tennista romano che viene eliminato dal greco Tsitsipas in quattro set tirati.

 

Travaglia b. Andreozzi 6-7(3) 6-2 6-3 6-2

La prima giornata degli Australian Open rispetta il pronostico per quanto riguarda i tennisti azzurri. Stefano Travaglia parte in salita ma elimina l’argentino Andreozzi con il punteggio di 6-7(3) 6-2 6-3 6-2. Il marchigiano, proveniente dalle qualificazioni, affronterà al secondo turno il georgiano Basilashvili, numero 19 del seeding, avversario ben più solido dell’argentino e vittorioso in quattro set su Eubanks. Si tratta della seconda vittoria in carriera per l’azzurro in un major: la prima risaliva agli US Open 2017 con Fabio Fognini.

VIDEO – Australian Open: Travaglia-Andreozzi 6-7 6-2 6-3 6-2, gli highlights

01:23

Fabbiano b. Kubler 6-4 7-6(1) 2-6 6-3

Thomas Fabbiano fa il suo dovere e rompe il tabù primo turno in Australia. Il pugliese, numero 102 del mondo, sfrutta al meglio l’occasione che gli ha dato il sorteggio, superando il tennista di casa Jason Kubler, 130 del ranking ATP e presente a Melbourne grazie a una wild card, in quattro set con il punteggio di 6-4 7-6(1) 2-6 6-3 dopo poco più di tre ore di gioco. Nel prossimo turno Fabbiano se la vedrà con il gigante americano Reilly Opelka, numero 97 del mondo. Il 21enne statunitense (2.13m di altezza) è stato protagonista di una bellissima vittoria contro il più quotato connazionale John Isner, testa di serie numero 9. Un successo arrivato in quattro set, tutti terminati al tie-break come da tradizione con Long John in campo.

Tsitsipas b. Berrettini 6-7(3) 6-4 6-3 7-6(4)

Non ce l’ha fatta Matteo Berrettini nel confronto tra giovani più atteso. Il match si decide in pochi punti chiave dopo tre ore esatte di partita e la differenza la fa la maggiore continuità del numero 15 del mondo classe 1998. L’equilibrio, dopo il primo set vinto dal tennista romano, è rotto dalle percentuali al servizio di Stefanos Tsitsipas che alza il livello di gioco: 6-7(3) 6-4 6-3 7-6(4) il finale con qualche errore gratuito di troppo per il classe ’96 che chiude la sua avventura con un doppio fallo.

Rispondi