Juventus, i 3 “contro” dell’affare Ramsey

I dubbi del mondo bianconero sull’incostante centrocampista gallese, dal fisico fragile allo stipendio stellare

La Vecchia Signora ha quasi concluso la trattativa per portare in Italia, ma ci sono ancora delle perplessità sui costi e sulla tenuta fisica del (quasi) ex Arsenal.

INFORTUNI La carriera di Aaron Ramsey è stata da sempre piena di infortuni, che hanno bloccato il processo di crescita del gallese. Nelle ultime 4 stagioni il centrocampista ha subito ben 11 stop per guai fisici all’inguine e al polpaccio (fonte: Transfermarkt) di varia entità. Proprio questa predisposizione al guaio muscolare ha tenuto fuori dal campo il centrocampista per ben 59 partite dal 2014.

COSTO Il nodo principale per il trasferimento del gallese è l’esorbitante costo dell’ingaggio. Infatti Ramsey dovrebbe percepire più di 7 milioni netti all’anno. Inoltre, anche se il giocatore lascerà Londra a parametro zero, la Juventus sborserà una ricca commissione, così come successo con Emre Can la scorsa estate.

POCA COSTANZA Uno dei difetti che ha contraddistinto la carriera di Ramsey è l’incostanza nelle prestazioni. Da sempre il gallese ha alternato ottime partite a momenti deludenti mentre quello che Allegri gli chiederà sarà di farsi trovare pronto al momento giusto per ritagliarsi spazio nell’undici bianconero. Riuscirà l’ex Arsenal a cogliere le occasioni che gli saranno concesse?

Piercarlo Cao

Rispondi