Fantacalcio:Ecco tutte le sorprese del girone di andata di Serie A!

È andato in archivio il girone di andata di Serie A, ecco le maggiori sorprese al fantacalcio: Cragno para rigori, Fabian Ruiz decisivo in trasferta

È ufficialmente terminato metà del campionato di Serie A 2018/19. Ovviamente c’è abbastanza materiale per tracciare dei momentanei bilanci, anche in ottica fantacalcio. Oltre ai classici top e flop, una graduatoria interessante è quella delle sorprese. Ossia, quei giocatori che hanno avuto un rendimento molto superiore rispetto alle attese. Ecco dunque chi più di altri ha regalato ai fantallenatori delle gioie inaspettate.

Alessio Cragno (Cagliari)

Nessuno poteva attendersi un rendimento del genere dal giovane portiere classe 1994. Invece l’estremo difensore del Cagliari ha garantito un livello di prestazioni altissimo, certamente non inferiore rispetto ai big della categoria. In ambito fantacalcistico, inoltre, spiccano i due rigori parati sui quattro fronteggiati: una fantamedia pari a 5,5 ed inferiore solo a Szczesny e Handanovic. Un girone di andata da sogno per Cragno, entrato legittimamente anche nel giro della Nazionale.

Gianluca Mancini (Atalanta)

In avvio di stagione le gerarchie lo vedevano riserva alle spalle del trio Palomino-Masiello-Toloi. L’infortunio dell’ex Bari ha dato una chance al giovane nerazzurro, bravo a sfruttarla poi al meglio. Oltre ad un rendimento complessivamente più che sufficiente spiccano per il fantacalcio i quattro gol realizzati, miglior difensore insieme a Kolarov in questo senso. La fantamedia di 7,57 è merito anche dell’assist messo a referto e delle sole due ammonizioni comminategli.

Fabian Ruiz (Napoli)

Spagnolo classe 1996, i 30 milioni spesi per lui dal Napoli sembravano soprattutto un investimento per i prossimi anni. Invece l’ex Betis Siviglia ha dimostrato di potersi imporre sin da subito, guadagnandosi un posto da protagonista dopo un avvio altalenante. Tra i centrocampisti con almeno 10 gare giocate solamente Duncan ha una migliore fantamedia, mentre altri top come Chiesa e Nainggolan sono piuttosto staccati. I tre gol realizzati da Ruiz sono inoltre arrivati tutti in trasferta, un dato da tenere in considerazione.

Krzysztof Piatek (Genoa)

Si tratta probabilmente della sorpresa più grande del girone d’andata di Serie A. Arrivato da semi sconosciuto, il polacco ha realizzato nove centri nelle prime sette giornate. Dopo un comprensibile periodo di stallo tra ottobre e novembre, il classe 1995 è poi tornato in forma nel finale: quattro centri tra la 13^ e la 19^ giornata. Nonostante i grandi sbalzi, Piatek è rimasto sempre tra i top al fantacalcio e chiude con una fantamedia di 8,47: meglio di lui in questo senso solamente Ronaldo e Quagliarella.

Francesco Caputo (Empoli)

Attaccante classe 1987, la scelta dell’Empoli di puntare su di lui per il ritorno in Serie A mai protagonista nel massimo campionato aveva destato qualche perplessità. Il centravanti dei toscani ha invece trascinato i suoi siglando nove reti, un rendimento davvero sorprendente che gli vale una fantamedia di 7,37. Peccato solamente per i due rigori sbagliati sui tre calciati, senza i quali il suo girone di andata sarebbe stato ancor più memorabile.

Sergio Pellissier (Chievo)

Sembrava dovesse ritirarsi lo scorso anno, invece ha proseguito ed è il volto di un Chievo tornato con Di Carlo ad essere operaio. Sono solamente otto le partite giocate dal veterano dei veneti, sufficienti comunque a lasciare il segno con tre reti e una fantamedia di 7,56. Una statistica superiore a quella di attaccanti molto più blasonati come per esempio Higuain e Dzeko o anche l’ex Chievo Inglese, trascinatore dei suoi nella scorsa stagione. Nonostante le 39 primavere, Pellissier sembra un ragazzino: un grande esempio di professionalità.

L’attacco dell’Atalanta

I nerazzurri hanno chiuso il girone di andata con 39 gol realizzati, record della storia bergamasca e miglior attacco del campionato. Giusto quindi premiare la fase offensiva dei nerazzurri, a maggior ragione considerando che nelle prime otto giornate la squadra di Gasperini era andata a secco cinque volte. Merito soprattutto di Zapata, fantamedia di 8,16 autore di 10 reti, ma anche di Ilicic (sei centri e 7,56) e Gomez (cinque reti e 7,36). L’unico ad aver deluso è Barrow, nessun bonus per lui: l’età (solamente 20 anni) promette però un pronto riscatto.

Rispondi