Connect with us

home

La moviola delle partite di domenica: ok l’espulsione di Criscito, regolare il gol di Simeone a Sassuolo, manca un rigore all’Udinese

Ecco il consueto appuntamento con la moviola delle partite di domenica con il commento del Corriere dello Sport.

MILAN-TORINO – ORSATO

Partita lineare, abbastanza scolastica, per l’internazionale Daniele Orsato. Da segnalare solo una revisione al VAR che Abisso dovrebbe spiegarne la ragione (pallone nettamente sulla pancia, che senso ha?). O meglio, dovrebbe spiegarcela il designatore, visto che ormai regna la confusione più totale, ogni partita e ogni giornata riservano sorprese e decisioni contrarie a quelle prese sette giorni prima.

In pieno recupero, Higuain tira, davanti a lui Nkoulou devia il pallone, tanto che il Pipita chiede – sommessamente – l’angolo (avete presente Gonzalo Higuain quando pensa di avere ragione che tipo di protesta mette su?). Orsato assegna la rimessa dal fondo, poi viene chiamato all’OFR: immagini che dimostrano come il pallone tocchi nettamente la pancia del giocatore granata, senza toccare il braccio largo.

altra protesta nella ripresa, ma sulla spizzata di testa di Zaza, il pallone sbatte sulla faccia/spalla di Meitè.

GENOA-SPAL – PASQUA

Prova di forza di Pasqua, partita difficilissima, soprattutto dopo il rosso (condivisibile) a Criscito. Non perde la sua serenità, la porta a casa bene.

Criscito interviene con la gamba alta (altezza ventre), in maniera scomposta, su Schiattarella: chi è abituato a “gestire” le partite, dirà che è esagerato, chi invece le arbitra condividerà il rosso (il fatto di farlo dopo 11’ non può essere un’esimente), che per noi è corretto.

Intervento di Fares su Romero che lo ha anticipato: live non era facile cogliere il tocco dello scarpino del genoano invece che quello dell’avversario, per questo c’è il VAR. Aureliano richiama Pasqua al video, lascia perplessi quell’attesa al fianco di Minelli (quarto uomo), forse in attesa di chiarirsi le idee, poi arriva il penalty.

regolare la rete di Petagna: lo tiene in gioco Kouamè al momento della spizzata di testa all’indietro di Felipe.

EMPOLI-BOLOGNA- VALERI

Molto positiva la partita di Paolo Valeri. Ammonito Poli per simulazione: giusto, Di Lorenzo per primo mette la gamb, il rossoblù un po si lascia cadere. Braccio sinistro di Helander: attaccato al corpo. Corretto annullare il gol di Traore: in fuorigioco “chilometrico” sul tiro di Caputo. Mariani (neo internazionale) chiama Valeri al VAR per un non contatto fra Krejci e Krunic: le gambe non si toccano. Esagerato? Forse, ma nel dubbio… Contatto Maietta-Santander: all’inizio si tengono entrambi, rischioso ma…

SASSUOLO-FIORENTINA- CHIFFI

Partita complicata per Chiffi, la tiene con due espulsi. Lavoro anche il VAR, Di Bello: lunga revisione per il gol del 2-1 di Simeone.

Al momento del tiro di Edimilson, finito sul palo, Simeone è ok, sia pure di un pelo. Fuori luogo le proteste di Berardi (ammonito, ma ha rischiato).

Nel finale, i due rossi: il primo per Djuricic, per proteste dopo aver ricevuto un giallo per un fallo su Simeone. L’altra espulsione per Milenkovic, che protesta per il giallo dato a Veretout.

PARMA-CHIEVO- LA PENNA

Più che sufficiente La Penna: forse un paio delle sei ammonizioni (Hetemaj, ad esempio) potevano essere non fatte. Ma ha impostato la partita così dall’inizio e l’ha tenuta dritta fino alla fine.

Timidamente, il Parma protesta per due episodi ravvicinati. Di Gaudio, però, accentua un po’ il contatto (fuori area) di Hetemaj, poi Bani-Barillà è di gioco.

Ok il gol di Stepinski, lo tiene in gioco Iacoponi sul tiro di Pellissier.

Corretto il doppio giallo per Depaoli, che trattiene Di Gaudio e abbatte Sprocati.

UDINESE-ATALANTA- CALVARESE

Calvarese nega un rigore all’Udinese, dopo averne concesso uno simile al Milan domenica scorsa. La colpa non è certo sua, ma del designatore Rizzoli, che l’ha premiato dopo aver ammesso (a mezza bocca) che il penalty per quel braccio di Bastoni non era poi così chiaro e aver lasciato ad arbitri e assistenti, all’ultimo raduno, l’incombenza di rispondere al sondaggione del giorno: ma si può? La conseguenza? Un tocco di braccio di Freuler (da largo che si stringe, ma dopo il contatto, insomma, simile a quello di San Siro) diventa nulla. Che Fofana davanti sfiori solo il pallone (lo colpisce nettamente dopo) cambia poco. Altra annotazione: al giallo, StrygerLarsen con un gesto lo manda a quel paese, di solito Calvarese certe scenate non le lascia passare.

(Fonte Corriere dello Sport)

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



Le Dirette di Momenti di Calcio

La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home