Connect with us

calcio estero

Francia, stasera la favola Les Herbiers sfida il PSG in finale di Coppa

“Abbiamo zero possibilità di battere il Psg”.  Alla vigilia della finale di Coppa di Francia Stephane Masala, tecnico del Les Herbiers, club di terza serie di un paese con appena 15mila abitanti che sta vivendo un autentico sogno ad occhi aperti, mette le mani avanti.

Difficile dargli torto.

La differenza tra i due club che si contenderanno il trofeo martedì, alle 21.05 allo “Stade de France” (diretta Fox Sports), è abissale.

Basti pensare che tutta la rosa del Les Herbiers vale appena 4 milioni, ovvero lo 0,7 per cento del fatturato dei Campioni di Francia, che hanno chiuso l’ultimo bilancio con 542,4 milioni di euro.

Sognare, però, non costa nulla. E in tanti, c’è da giurare, si siederanno davanti alla tv immaginando che Davide possa davvero battere Golia, riuscendo finalmente a compiere quel miracolo che in passato è sfuggito ad altre squadre minori.

Avevano avuto un’occasione il Nimes nel 1996, il Calais, club dilettantistico di quarta serie che nel 2000 si fermò a un passo dallo scrivere il suo nome nella storia cedendo solo al 90′ al Nantes (2-1) e, successivamente, l’Amiens nel 2001 e il Quevilly nel 2012, sconfitto dal Lione con un gol di Lisandro Lopez.

Ad ogni buon conto Stephane Masala si gode il suo momento. Tecnico di origini italiane (sarde da parte di padre e marchigiane da parte di madre), in carica da dicembre, ha compiuto il suo grande capolavoro estromettendo club di ben altro blasone. Nel suo cammino è stato accompagnato, va detto, da una buone dose di fortuna: non ha incontrato nessuna squadra di Ligue 1.

Les Herbiers ha eliminato, fra le altre, Auxerre e Lens, ed è arrivata in finale battendo un’altra squadra di terza divisione, lo Chamby sconfitto per 2-0 a “La Beaujoire” di Nantes davanti a 35mila spettatori.

“Ci sono tecnici dieci volte più esperti di me che non hanno mai messo piede allo ‘Stade de France’. Farò un discorso che sorprenderà i ragazzi, dirò qualcosa che non hanno mai sentito in vita loro – ha detto alla vigilia – Il vero successo sarà quello di resistere il più a lungo possibile. Secondi? Minuti? Un’ora? Non lo so. L’importante non è il risultato: voglio solo vedere Parigi negli occhi”.

Sarà una serata speciale per tutti, ma ancor di più per Rodrigue Bongongui, attaccante camerunese di 25 anni arrivato quest’anno nel club rossonero e che, dopo 10 anni, avrà l’occasione di riabbracciare Kyliam Mbappé.

I due, da bambini, sono cresciuti entrambi nell’As Bondy: “Mbappé (che ha 5 anni di meno, ndr) era la mascotte della squadra – ha rivelato a Le Parisien Bongongui – Ce lo portavamo dietro ovunque anche se erano molto più piccolo di noi. Ha fatto un percorso incredibile”.

Le loro strade domani sera s’incroceranno di nuovo. La coppa difficilmente prenderà un bivio diverso da quello che porta a Parigi.

Ma il Les Herbiers non tremerà di fronte ai giganti.

Perché comunque vada è già stato un successo.

 

Fonte Repubblica.it

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…


Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



Le Dirette di Momenti di Calcio

La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in calcio estero