Connect with us

editoriali

Perchè la Juventus ha vinto ancora: da Calciopoli in poi non c’ è più spazio per gli avversari

La Juventus l’ha rifatto per la 7° volta consecutiva : ha vinto lo scudetto grazie ad un aiuto inaspettato e impensabile con il calcio di qualche anno fa, ovvero grazie agli odiati nemici del Toro che hanno fermato il Napoli.

Di fronte a questo lungo predominio bianconero (ricordiamo anche le coppa italia) ci si chiede come mai gli avversari non riescono a contrastare il passo dei Campioni d’Italia.

La Roma e il Napoli negli ultimi anni si sono resi protagonisti di grandi campionati, con record di vittorie, di punti, di bel gioco etc etc ma poi alla fine… vincono sempre loro!

Ci piace riportare il pensiero al riguardo di Mario Sconcerti che, con il solito acume e chiarezza, illustra il pensiero attraverso le colonne del Corriere della Sera.it.

È straordinario che una squadra vinca 7 volte di fila il campionato italiano, altrettanto interessante è cercare di capire perché. Sette anni sono più di un’ epoca nella velocità del calcio.

Quando la Juve cominciò a vincere giocava ancora Del Piero, Matri era il centravanti e Giaccherini l’ ala di sostegno.

Lo spread era oltre 500 e Berlusconi stava dando le dimissioni.

In questi 7 anni è cambiato molto in genere, ma è cambiata soprattutto la Juventus.

È vero che è rispettata dagli arbitri, dal potere.

Ma è vero che ha fatto di Calciopoli il suo nuovo inizio, una nemesi quasi violenta per l’ insistenza con cui ha cancellato qualunque gerarchia.

Il nuovo ciclo della Juve comincia da quella umiliazione di cui troppe volte si dimentica il particolare più importante: è stata pagata.

Non è stato regalato nulla.

Quel giorno ha cambiato il calcio italiano, si è aperta la corsa a una successione i cui costi hanno cancellato perfino i padroni più ricchi.

Moratti ha vinto, ma ha dovuto vendere.

Berlusconi ha capito che la corsa era diventata insopportabile. Anche la Roma della famiglia Sensi ha fatto in fretta un passo indietro.

La Juve è stata l’ unica a mantenere i suoi proprietari, la sua storia, il senso comune dei propri investimenti.

Se il primo effetto di Calciopoli è stato cancellare la Juventus, il secondo è stato quello di sfinire Milano.

È lì che ha affondato la Juve, in quello che sembrava un respiro affannoso ed era invece una crisi di sistema.

Milano scompariva. E senza Milano è cominciata la cavalcata della Juve. La sua formidabile vendetta. Certo non si vince da soli, deve esserci qualcuno che si abitua a perdere.

Roma e Napoli sono stati gli avversari inespressi di questi anni senza Milano, ma non sono riusciti a costruirsi.

Nella Juve c’ è stato il tempo di Del Piero, quello di Tevez e quello di Dybala, una chiesa continuamente rinnovata, quindi continuamente vulnerabile.

Ma gli avversari si sono accontentati di competere, non sono riusciti a vincere.

I meriti della Juve sono stati proporzionali ai loro limiti.

Nessuno è cresciuto, qualcuno ha inventato, ma non è bastato. Questa è la sintesi della crisi del calcio italiano. La mancanza di dialettica ha strozzato la crescita, è rimasta solo la Juve. Ma non è mai colpa di chi vince. Tocca agli avversari adeguarsi.

Napoli e Roma sembrano nel tempo essersi sfiniti e Milano continua a vivere con troppi traumi.

In sostanza la Juve ha diviso e comandato il calcio per questi lunghi anni, vincendo molto e progredendo abbastanza, ma soprattutto ottenendo di non far nascere gli altri.

E potrà mandarsi via solo sbagliando in piena autonomia.

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in editoriali