Connect with us

editoriali

Al Nord hanno vinto 99 scudetti, al Centro e Sud 8 mentre alla SS Lazio manca addirittura quello a ex-equo col Genoa del 1915: siamo vittimisti o piuttosto capri espiatori e pecore? – Di Giuseppe Sesto

Di Stefano Lesti – I dati statistici dell’Albo degli scudetti del campionato di calcio di serie A dicono che ben 99 titoli siano stati vinti dalle società del Nord, mentre appena 8 suddivisi tra Roma (3 + 2 Lazio), Napoli (2) e Cagliari (1).

A eccezion fatta per le sospensioni dovute alla guerra tra il 1915 e il 1920 e tra il 1943 e il 1947, su 115 scudetti messi in palio negli ultimi 120 anni, di cui due non assegnati, (1927 e 2005), il rapporto di vittorie tra Nord e Centro-Sud è 95 per cento contro il 5 circa.

Viene da pensare eh?

Da cosa sarà dipeso secondo te? Forse noi italiani del Centro e del Sud siamo tutti dei cretini. Probabilmente non saremo bravi e lungimiranti imprenditori; non siamo capaci di evolverci e di sviluppare lo sport, oppure ci troviamo piuttosto davanti a un qualcosa che tutti sanno e accettano per tradizione senza porsi alcuna domanda. Se fosse così, perché non parlare apertamente di razzismo sportivo, imprenditoriale e mediatico?

È presto detto e dimostrato. Una volta spedii alla Gazzetta dello Sport un comunicato stampa da parte di SS Lazio Baseball 1949. Mi risposero tramite messaggio che eravamo “troppo periferici” e che la notizia non interessava. Altro che rosa, rossi di vergogna dovrebbero diventare, altro che il bene dello sport.. Come si fa a sentir dire ad esempio nei telegiornali sportivi più popolari che quando giustamente Lazio, Roma e Napoli si lamentano per gli errori arbitrali non siano altro che poveri “vittimisti”, quasi patetici e molto paranoici?

Ma cosa dicono questi cialtroni dell’informazione sportiva? Questi scribacchini mercenari, questi propagandisti, questi pappagalli che ripetono cose che sentono dire o che qualcuno gli dice di dire, condizionandogli carriere e attribuendogli immeritati privilegi che costoro, facenti parte di un vero e proprio sistema, se ne guardano bene dall’analizzare e contestare.

Chi tra loro e anche tra di noi “terroni” direbbe le cose come siano veramente sapendo che perderà il posto? Chi non si arruffianerebbe il potente di turno in cerca di un posto al sole? Chi è tra noi senza alcun peccato scagli la prima pietra, e lungi ma me fare dei giornalisti tutto un fascio, ma ad ogni modo, pur senza voler esprimere alcuna condanna senza appello, mi chiedo e chiedo a tutti come si permettano di negare la realtà che vede succubi certi e vincitori sempre o quasi i paperoni del Nord, a fronte dei dati qui citati che dimostrano chiaramente una supremazia schiacciante che non ha ragion d’essere se non in virtù di una sorta di quello che a Medellin in Colombia chiamano “cartello” che quanto meno e da mo’ l’Antitrust sarebbe dovuta andare a verificare?

92 scudetti a 8.. Ma com’è possibile mai? Come si fa a non vedere la realtà quando questa sia sotto gli occhi di tutti è per me e per molti di noi sportivi e non un mistero non della fede in Dio ma nel falso dio denaro che per compiacersi e compiacere il suo servitori non conosce etica, morale e valori umani e umanisti e rinnega lo sport.

Come si fa a essere costretti alle carte bollate e a fare petizioni popolari per affermare la legalità a quello che dovrebbe essere soltanto un “giuoco”?

Come si può sentirsi costretti a rivolgersi agli avvocati, così come hanno fatto i tifosi della SS Lazio che da mesi si sono rivolti inutilmente alla Fgci per l’ottenimento dello scudetto vinto nel 1915 dai capitolini, che, assegnato al Genoa fu un diritto conquistato sul campo negato ai biancocelesti da ragioni che sfuggono addiririttura a un minimo di logica in barba anche a ogni minima parvenza di giustizia?

Una Fgci, e non solo lei (…) che in palese imbarazzo è stata obbligata dai supporter laziali a decidere su un tricolore del 1915, che potrebbe essere finalmente restituito (ex aequo col Genoa) alla Lazio dopo le 33mila firme raccolte e il dossier di 10 pagine che fu presentato in Federazione, sancendo una volta e per tutte nella storia un merito fino a oggi ignorato per tanti motivi che non stiamo qua a discutere.

Una storia vergognosa raccontata anche dal collega Alberto Abbate e pubblicata su sport.ilmessaggero.it che bisogna conoscere per rendersi conto di cosa stiamo parlando.

“La Lazio non vinse lo scudetto del 1915 solo perché scoppiò la prima guerra mondiale. Eppure, il club biancoceleste era stato l’unico ad aggiudicarsi sul campo il campionato dell’Italia Centrale. La Figc, invece, con successiva delibera post bellica, assegnò d’ufficio il titolo di Campione d’Italia al Genoa, che a una giornata dal termine, per l’insorgere del conflitto bellico, si era fermato a 7 punti in testa nel girone dell’Alta Italia. Fra le due si sarebbe dovuta tenere la finalissima e invece il titolo venne attribuito al Grifone”

Mentre confidiamo nella giustizia verso questa importante e onorata società ce ne chiediamo anche noi il motivo, ma la nostra domanda è naturalmente retorica, basti consultare il riepilogo degli scudetti assegnati e delle squadre italiane vincitrici per rendersi conto anche da soli che come diceva Bartali: “Qui l’è tutto da rifare!”.

Albo d’oro scudetti serie A (1898-2017)

Juventus 35; Inter 18; Milan 18; Genoa 9; Torino 7; Bologna 7; Pro Vercelli 7; Roma 3; Lazio 2 (+1?); Napoli 2; Cagliari; Verona 1; Sampdoria 1; Casale Monferrato 1, Novi Ligure 1.

SL

loading...

Direttore responsabile di Momentidicalcio.com, giornalista, scrittore, storico, dirigente e responsabile della comunicazione di società sportive.

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



Le Dirette di Momenti di Calcio

La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in editoriali