Connect with us

altri sport

Giro d’Italia, vince Elia Viviani a Tel Aviv, secondo Jakub Mareczko

Grande sprint del veronese che ottiene così il secondo successo in carriera al Giro d’Italia dopo l’arrivo di Genova 2015. Secondo Mareczko, terzo Bennett.

Che spettacolo Elia Viviani! Il corridore della Quick-Step vince la 2^ tappa del Giro d’Italia con una volata imperiosa, tagliando il traguardo di Tel Aviv davanti a Jakub Mareczko (Wilier-Triestina) e Sam Bennet (Bora Hansgrohe). Vittoria da favorito per il velocista veronese, che centra la sua seconda affermazione alla corsa rosa dopo il successo di Genova nel 2015. Intanto la maglia di leader cambia padrone: Rohan Dennis vince il traguardo volante e scippa la Rosa a Dumoulin per un solo secondo.

Il caldo e le autostrade non frenano i tifosi

Temperatura superiore ai 35 gradi e sole battente sulla costa israeliana che vive la seconda tappa di questo Giro. Alla vigilia c’era anche lo spauracchio del vento, possibile causa di ventagli nei lunghi rettilinei che caratterizzano il percorso. Ma nè l’afa, nè il tracciato, disegnato prevalentemente lungo l’autostrada, spaventano i tifosi. In migliaia si assiepano con entusiasmo, a volte anche esagerato, lungo i 167 km di gara.

La passerella e la fuga a 3

I primi attacchi partono già al km 0, poco fuori dal centro di Haifa. In prima battuta ci prova anche Victor Campenaerts, in cerca dell’abbuono al traguardo volante per conquistare la rosa dopo il terzo posto del cronoprologo. Ma gli uomini del Team Sunweb non lo fanno andar via. Davide Ballerini (Androni), Lars Bark (Lotto Fix All) e poi Guillaume Boivin (Israel) riescono invece a lasciare la folta compagnia e mettono insieme la prima fuga di questa corsa rosa. Dietro Viviani sprinta nel gruppo per guadagnare punti al primo traguardo volante. Davanti il terzetto arriva oltre i 3 minuti di vantaggio.

La Bmc accelera, Barbin primo leader della montagna

Anche Dennis è a caccia di abbuoni e la sua squadra aumenta il ritmo. Il vantaggio dei fuggitivi crolla e si dissolve in occasione del primo Gran Premio della Montagna del Giro 101. È una salita di quarta categoria in quel di Zikron Ya’aqov, 2,8 km al 5%. I fuggitivi ci credono fino in fondo, ma dal gruppo parte Enrico Barbin (Bardiani Csf), che scollina davanti a tutti e diventa la prima maglia azzurra.

Dennis maglia rosa

A Cesarea c’è il secondo traguardo volante e gli sforzi della Bmc vengono ripagati. Rohan Dennis si prende i 3 secondi di abbuono davanti a Viviani e Roelandts e strappa virtualmente la maglia da leader a Dumoulin.

loading...

Giornalista Pubblicista, Direttore Responsabile di Momenti di Calcio. Appassionato di calcio e laureato in Giurisprudenza presso l'Università Di Roma Tre

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in altri sport