Connect with us

editoriali

Juve, quanti ko al 90’… Sarà un caso?

“La punizione di Pjanic, deviata, è finita sul palo; loro hanno fatto gol su angolo al 90’…”. La verità di Massimiliano Allegri dopo Juventus-Napoli è inconfutabile: agli allenatori piace spesso sottolineare l’importanza degli episodi nel calcio e forse ha ragione Ciro Ferrara, talent Premium, nel dire che questo sport “l’ha inventato il diavolo”.

Eppure è probabile che non sia tutta casualità e che se il detto “la fortuna aiuta gli audaci” spesso funziona, potrebbe essere vero anche il contrario e che la “sfortuna” penalizza chi ha poco coraggio.

La Juventus domina da sei anni il campionato e potrebbe vincere il settimo scudetto: un’impresa leggendaria cominciata con Antonio Conte e alla quale ha contribuito per il 50% anche Allegri, trionfando contemporaneamente per tre volte consecutive anche in Coppa Italia e raggiungendo due finali di Champions, cosa che al suo predecessore non era riuscita. Ecco perché il tecnico ha sbottato in conferenza all’ennesima domanda sul bel gioco: “Noi giochiamo 57 partite, gli altri sono fuori da tutto a novembre”.

La maturità della sua Juve – l’ha detto spesso Allegri – consiste nel leggere i momenti delle partite, sapere quando accelerare e quando fermarsi. Lo fa per poter giocare al meglio ciascuna delle 57 partite. La riflessione che arriva dalle ultime settimane, allora, è tutta qui: magari la Juve questa qualità l’ha persa proprio nelle due partite in cui avrebbe fatto meglio a metterla in mostra. Anzi, in due momenti.

A Madrid è andata sul 3-0 al 15′ della ripresa e con quel risultato sarebbe andata ai supplementari: fino a quel punto aveva messo in difficoltà il Real aggredendolo, poi ha smesso di farlo e Allegri si è tenuto i due cambi per i 30 minuti di extratime. Solo che non li ha mai giocati perché al 93′ Lucas Vazquez si è trovato da solo davanti alla porta e la polemica sul rigore lascia il tempo che trova.

Col Napoli la Juve ha preferito giocare per il pari: non ha mai accelerato. Mai. Eppure fisicamente non sembra messa peggio degli azzurri, anzi, al di là del numero di partite in più disputate in stagione (in realtà neppure così tante, appena 3…). Questione di atteggiamento, di mentalità: Allegri ha ricordato che due anni fa uscì dalla Champions a 30 secondi dalla fine, perché il Bayern rimontò nel recupero con la Juve schiacciata dietro dopo aver dominato per almeno 70 minuti.

Tornando alla stagione in corso, in Juve-Roma Schick ha graziato i bianconeri nel finale allo Stadium e il Tottenham ha colpito un palo con Kane in pieno recupero (seppur in fuorigioco non rilevato). In quel caso è andata bene, ma le occasioni sono state concesse. Cristiano Ronaldo e Koulibaly, invece, non hanno sbagliato. I numeri dicono che quello del senegalese è solo il secondo gol subito nell’ultimo quarto d’ora di gioco in questa Serie A, anche perché la Juve, nettamente superiore ai suoi avversari, di solito non si fa schiacciare.

Anche contro la Lazio, col gol di Dybala in extremis, la Juve in realtà aveva chiuso all’attacco dopo una partita sparagnina. Col Napoli, invece, non ha effettuato tiri nello specchio: è la prima volta che succede in un match casalingo di campionato da quando esiste lo Stadium. La prima volta. Ma è già la seconda in pochi giorni che subisce gol al 90′, mentre il Napoli, nello stesso periodo, ha vinto nel recupero in rimonta col Chievo, ha battuto nel finale anche Genoa e Udinese e infine ha fatto suo lo scontro diretto. La loro partita della vita. E allora, forse, non è tutto, o almeno non solo, un caso.

loading...

Giornalista Pubblicista, Direttore Responsabile di Momenti di Calcio. Appassionato di calcio e laureato in Giurisprudenza presso l'Università Di Roma Tre

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in editoriali