Connect with us

calcio estero

Zarate: “Tornerei di corsa alla Lazio. Scelta di Kolarov incomprensibile. Che coppia io e Immobile!”

Questa Lazio che vince, diverte, segna gol a grappoli e lotta per un posto nella prossima Champions League ha conquistato tutti.

Il lavoro di Simone Inzaghi ha fatto ri-innamorare della squadra i tifosi biancocelesti e, a quanto pare, anche qualche ex giocatore, in particolare uno che con Roma e con l’ambiente di Formello non si è lasciato esattamente bene.

“Tornare un giorno? Credo sia impossibile, però mi piacerebbe tantissimo tornare e giocare in questa squadra con Simone (Inzaghi, ndr) – ha detto Mauro Zarate ai microfoni di Radio Incontro Olympia – Ma dobbiamo anche vedere se il mister mi vuole. Per me sarebbe un sogno. La Lazio è nel mio cuore e non dimenticherò mai i tifosi biancocelesti”. Eppure, come si diceva, l’addio fu alquanto burrascoso: “Non ho mai giocato contro nessuno, né contro Lotito né contro Tare. Il secondo anno fu molto difficile, nonostante iniziò con la vittoria in Supercoppa Italiana contro l’Inter del triplete. Forse ho sofferto un po’ l’assenza di Pandev in attacco, ma anche Ledesma era importante. Il terzo anno andò meglio, ma c’era poca intesa con mister Reja e lì scelsi di andare all’Inter. Ho commesso un errore nel lasciare la Lazio in quel momento. Me ne sono pentito dopo”.

Pentito al punto da sognare un ritorno: “Con giocatori come Luis Alberto sarebbe bellissimo giocare. La squadra si diverte, merito di Inzaghi. Forse Felipe Anderson è un po’ sacrificato come esterno a volte, ma sta facendo bene. Dove mi vedrei nella Lazio di oggi? Sicuramente dietro a Immobile o accanto a Luis Alberto e Felipe Anderson. Inzaghi è stato mio compagno di squadra, non avrei mai immaginato un giorno di poterlo vedere con la divisa da allenatore, ma proprio mai nella vita! Non era così serio, anzi, mi prendeva sempre in giro per come mi vestivo”.

Un amore puro quello di Zarate per la Lazio, dimostrato anche dalle ultime battute dell’attaccante attualmente in forza al Velez: “La scelta di Kolarov? Non mi è mai capitata l’occasione di andare alla Roma, ma sinceramente non ci sarei mai andato. Aleksandar era già in una squadra importante, magari poteva tornare alla Lazio per quello che ha vissuto in passato, ma non certo alla Roma. Il mio più grande rimpianto? Il rigore sbagliato contro l’Udinese. Ci penso sempre. Potevamo andare in Champions e avrei aiutato la società a crescere”.

 

loading...

Giornalista Pubblicista, Direttore Responsabile di Momenti di Calcio. Appassionato di calcio e laureato in Giurisprudenza presso l'Università Di Roma Tre

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in calcio estero